Test annullati, Tar Lazio dà ragione all'Udu

med.jpgAlla fine l’hanno spuntata. La battaglia iniziata neanche un anno fa dall’Uduil sindacato degli studenti universitari – è approdata in questi giorni alla decisione del Tar Lazio di annullare la procedura concorsuale indetta dalla Sapienza. Quella che, nel ‘caldo settembre’ del 2007, ha portato a galla gli scandali sull’ accesso alla facoltà di Medicina e Chirurgia.
E pensare che, in un primo momento l’ Avvocatura dello Stato si era espressa in modo contrario alla possibilità di invalidare i quiz sottoposti alle tante matricole che sgomitavano per un posto a Medicina. L’annullamento di uno o due quesiti, infatti, sarebbe bastato – a detta dell’organo di tutela delle pubbliche amministrazioni- a mantenere valide le prove. Senza che si tenesse conto, cioè, dello spreco di tempo e della concentrazione mancata da parte dei candidati, perché è proprio su questo punto che il sindacato ha voluto che si soffermasse l’attenzione dei magistrati.
La decisione, comunque, ha portato con sé un’altra grande vittoria: il suggerimento che il Tar Lazio ha rivolto al legislatore perché le materie oggetto dei test, da qui in avanti, siano nei loro contenuti davvero conformi alla volontà di individuare gli studenti più versati nello studio della medicina.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Codacons, gli scritti vanno annullati

Next Article

Cuochi e commis sul litorale pontino

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.