Tesi di 16 pagine e ricerche copiate: cosa non farebbero i vip per il titolo

oscar giannino

Politici e vip fanno i furbi e ottengono “lauree facili”. Sono disposti a tutto pur di ottenere il titolo di dottore. C’è chi copia la tesi e chi scrive un paio di paginette e le spaccia per un gran lavoro di ricerca. E poi, statistiche prese da altre pubblicazioni scientifiche e studi scientifici basati sull’analisi di un solo caso. In Svizzera, tesi di laurea “sperimentali” di 16 pagine. Un esperimento ermetico? No, una vera e propria furbata.

Pensavamo che i “nostri Oscar Giannino” fossero un caso solo made in Italy, ma non è così.
Molto noti i casi che hanno riguardato Karl Theodor von und zu Guttemberg, ministro della Difesa in Germania, che ha dovuto dire addio alla sua carriera, e quello di Frau Annette Schavan, ministro della pubblica Istruzione.

Ma l’imbroglio si cela ovunque. Soprattutto in Germania, dove il titolo di Doktor fa guadagnare il 30% in più di chi non lo possiede.
In Svizzera, è tutto più facile: per ottenere il titolo basta riempire qualche paginetta. Una sorta di tema liceale.
Philippe Perrenoud, consigliere governativo del partito socialdemocratico nel governo del cantone di Berna, si è laureato all’Università di Berna su una malattia allo sterno. Peccato che lo studio fosse basato sull’analisi di un solo caso. “Più una diagnosi che una ricerca scientifica”, ironizza la stampa. In tutto, 16 pagine.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La grammatica: mission impossible insegnarla a chi crea gruppi

Next Article

Concerto del primo maggio: il grande escluso e i presenti

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.