Telecamera nascosta in bagno per filmare le studentesse. Denunciato un operaio

Schermata 2013-06-06 a 10.03.42

Una telecamera e’ stata trovata da alcune studentesse nei bagni di una scuola magistrale di Sassari.La loro segnalazione ha fatto scattare un’inchiesta dei carabinieri, che hanno iscritto nel registro degli indagati un operaio, addetto alla manutenzione dell’istituto. Nelle sua abitazione trovati centinaia di cd video definiti ”scabrosi”.

Il fatto – riportato dal quotidiano La Nuova Sardegna – risale ad alcuni giorni fa. La videocamera era posizionata nel cestino porta rifiuti. Una allieva ha notato un plico nel cestino, e, incuriosita, ha voluto controllare cosa ci fosse dentro.

Una volta appurato che si trattava di un’apparato video, forse collocato appositamente per riprendere le studentesse, ha allertato i professori, e quindi il dirigente scolastico. La segnalazione e’ giunta al Comando provinciale dei carabinieri che ha avviato le indagini, sulle quali vi e’ un uno stretto riserbo, anche perche’ molte allieve sono minorenni. I militari hanno individuato il presunto responsabile, un operaio quarantenne dipendente di una ditta che presta lavori di manutenzione nella scuola. In una successiva perquisizione a casa dell’uomo sono state sequestrate centinaia di immagini ora al vaglio degli inquirenti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

giovani medici day

Next Article

Studenti, il lavoro è mobile

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata
Leggi di più

Scuola, l’organico Covid prorogato fino a giugno

Soddisfatti i rappresentanti dei lavoratori e i dirigenti scolastici. Il personale inserito tra settembre e inizio ottobre nelle classi per dare un aiuto concreto ai docenti curriculari, potrà continuare a lavorare fino alla fine dell’anno