Tè verde e vino rosso contro l’Alzheimer

tè verde

Estratti di tè verde e vino rosso possono interrompere un meccanismo cellulare chiave nella progressione del morbo di Alzheimer. La scoperta della University of Leeds è stata pubblicata sulla rivista Journal of Biological Chemistry. I ricercatori hanno identificato il processo che permette agli accumuli dannosi di proteine di formarsi nelle cellule cerebrali, portandole poi alla morte

Gli scienziati – come scrive l’Agi – sono stati capaci di interrompere questo meccanismo usando estratti purificati di EGCG dal tè verde e resveratrolo da vino rosso. Dopo aver formato aggregati proteine amiloidi in laboratorio e averle aggiunte a cellule cerebrali umane e animali, gli scienziati hanno scoperto che gli estratti da vino rosso e tè verde facevano in modo che questi aggregati non avessero più un effetto nocivo.

”Il prossimo passo sarà comprendere come, esattamente, l’interazione delle proteine amiloidi con le cellule porti alla morte dei neuroni” ha spiegato Nigel Hooper, fra gli autori della ricerca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studentessa morta, i ragazzi della Federico II si scagliano contro i professori: "Non è la prima volta che accade"

Next Article

Cake design, la figura più in voga del momento

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.