Talenti di casa nostra

Premio Ischia. Davide Macchia e Francesca Romaldo: Giovane Comunicatore di talento e Futuro Giornalista

E’ giunta l’ora della premiazione per i vincitori del Premio Ischia e Coca-Cola HBC Italia per il Giovane Comunicatore di Talento e il Futuro Giornalista.
I due vincitori sono Davide Macchia, proveniente dal Master in Marketing e Comunicazione della Business School de Il Sole 24 Ore, e Francesca Romaldo, studentessa della Scuola di Giornalismo dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli. La premiazione, che avrà luogo sabato 3 luglio alle ore 17.00 presso l’Hotel Regina Isabella di Lacco Ameno a Ischia, vedrà la partecipazione di importanti esponenti del panorama nazionale: Virman Cusenza, Direttore Responsabile Il Mattino; Clemente Senni, Executive Vice President, Corporate Communication and P.A. Alitalia e Gianluca Comin, Presidente Ferpi e Direttore Relazioni Esterne Enel.
L’ansia della premiazione si fa sentire, soprattutto perché sono abituata a stare dall’altra parte” ci ha raccontato Francesca Romaldo. Entusiasta ma con la testa sulle spalle ha spiegato: “In un momento in cui nessuno investe sui giovani questa è un’opportunità davvero grande e non per il premio in denaro (una borsa di studio di 5.000 euro intitolata alla memoria della giornalista Maria Grazia Di Donna) bensì per lo stage retribuito di due mesi presso la AdnKronos con cui spero di instaurare una continuità lavorativa”. Davide Macchia, invece, avrà la possibilità di svolgere uno stage retribuito presso la direzione Public Affairs & Communication di Coca-Cola HBC Italia.
Ad aprire la premiazione il workshop “Responsabilità ed etica nella relazione azienda e media: il domani che vogliamo” una novità dell’edizione 2010.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Occupazione simbolica del Rettorato della Sapienza

Next Article

Microsoft Hires

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".