Su youtube video shock di Fratelli d’Italia: Giorgia Meloni si dissocia e chiede scusa

 

Schermata 2013-02-20 a 14.18.00 

Riceviamo e pubblichiamo

“A nome di Fratelli d’Italia chiedo scusa per il video-parodia, di pessimo gusto, realizzato in maniera autonoma da alcuni esponenti padovani e solidarizzo con le persone e le associazioni che si sono sentite offese. Ho chiesto agli autori di rimuovere immediatamente il video dalla rete e di chiedere a loro volta scusa. Il tema dei diritti per gli omosessuali è delicato, anche a causa delle inaccettabili discriminazioni perpetrate a loro danno nei secoli.

Ribadiamo la nostra ferma  condanna dunque per ogni specie di omofobia. Iniziative così volgari e superficiali non appartengono alla cultura e al modo di fare politica con cui vogliamo caratterizzare Fratelli d’Italia”.

E’ quanto dichiara Giorgia Meloni, fondatore di Fratelli d’Italia.

I FATTI

In principio furono Stefano e Federico, torinesi, sul palco dell’Ariston dichiararono il loro amore e la decisione, costretta, di recarsi a New York per poter celebrare il loro matrimonio, non consentito in Italia.

Da lì l’esplosione di uno stile comunicativo ripreso e parodiato dal Trio medusa sul tema di “Quelli che aspettano…” e da Luca e Paolo sostituiti di Crozza nella copertina di Ballarò (ma «a noi piace moltissimo la patata»).

Fin qui risate, gradimento e satira. La sezione Veneto di Fratelli d’Italia, il partito fondato da Giorgia Meloni, Crosetto e La Russa, ha pensato di alzare il tiro con una revisione omofoba sul tema “Non votare con il culo”, postato in forma privata su youtube. Uno spot in cui è chiara la linea del movimento politico di centrodestra che dichiara amore alla sua fondatrice e dice no alle nozze gay.

«Il video non solo è di cattivo gusto, ma è chiaramente offensivo verso i gay» è quanto dichiara Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center, che aggiunge: «L’omofobia è una brutta malattia, farla entrare in parlamento è ancora peggio». La questione si scalda, il rispetto scema e la carta inizia davvero a sprecarsi.
Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test anticipati, l'Udu: "E' solo un modo di fare cassa. Valutiamo una Class Action"

Next Article

Bacio appassionato tra Belen e Stefano. Ma sul collo di lui spunta l'iniziale della ex

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"