Studenti motore creativo dell'Expo

expo2015.jpgIl countdown è già cominciato e i preparativi fervono: l’Expo 2015 di Milano sarà una straordinaria occasione di crescita professionale per i giovani di tutto il mondo. In questa direzione è stato sottoscritto un accordo tra il comitato organizzatore dell’Esposizione Universale e l’Aiesec, la principale organizzazione internazionale non profit di studenti universitari che tra le sue fila ha avuto anche personaggi del calibro dell’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton e dell’ex presidente della Repubblica Finlandese Martti Ahtisaari, Nobel per la Pace 2008.
L’accordo prevede la partecipazione di Expo 2015 al programma di scambi internazionali di Aiesec, occasione che consentirà agli studenti di tutto il mondo di venire in Italia e contribuire al successo dell’evento, offrendo loro l’opportunità di lavorare per la realizzazione del progetto. Rientra nell’accordo anche la realizzazione di un meeting internazionale di Aiesec, che si terrà durante l’Expo.
A siglare l’accordo di collaborazione – firmato presso l’Università Sapienza di Roma nel corso del Global Leaders’ Summit di Aiesec, appuntamento che riunisce i partecipanti di 6 continenti e 107 Paesi, sotto l’Alto patronato del presidente della Repubblica – sono stati il sindaco di Milano, Letizia Moratti e Davide Moleti, presidente nazionale di Aiesec Italia.
L’accordo riconosce l’impegno di Aiesec nel farsi portavoce tra i giovani di temi quali lo sviluppo sostenibile, la diversità come ricchezza e lo scambio tra culture come opportunità. Sono stati del resto proprio i grandi problemi dello sviluppo sostenibile che hanno portato il comitato organizzatore a scegliere il tema ‘Nutrire il pianeta, energia per la vita’ come filo conduttore dell’Esposizione Universale.

Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Aiesec parte II: in scena il Talent Fair

Next Article

Agenti Bernerin tutta Italia

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).