Studente costretto ad avere un rapporto sessuale con la sua professoressa: “Non esci dall’aula se non mi dai qualcosa”

professoressa rapporto sessuale

Studente costretto ad avere un rapporto sessuale con la sua professoressa. Succede negli stati Uniti, a Santa Fe (New Mexico). Secondo quanto riporato dal Daily Mail, Jennifer Vigil, 31 anni, docente di scienze, avrebbe trattenuto in classe uno dei suoi studenti, poi, chiusa a chiave la porta dell’aula, lo avrebbe costretto a consumare un rapporto sessuale. “Non ti lascio uscire se non mi dai qualcosa”, queste le parole con cui l’insegnante avrebbe dichiarato le sue intenzioni e che il ragazzo avrebbe riportato alla Polizia per denunciare l’accaduto.

Il giovane avrebbe tentato di eludere la richiesta della prof.ssa Vigil affermando che la trovava “disgustosa”. Poi però avrebbe ceduto fino a trovare un accordo con la docente: le avrebbe concesso un rapporto orale in cambio della sua libertà. Con questo escamotage, lo studente avrebbe poi scattato una foto della professoressa durante l’atto sessuale, immagine che è poi servita agli inquirenti per confermare l’accaduto.

Jennifer Vigil ha ammesso l’accaduto, ma ha anche affermato che si trattava di un rapporto consensuale. La professoressa si è anche dichiarata consapevole che il suo atto, consensuale o non, comporta comunque un abuso di potere ed è quindi illegale.

Gli inquirenti stanno ora verificando la dinamica dei fatti: rimangono, infatti, diverse incongruenze tra il racconto della docente e quello dello studente; elementi discordi che potrebbero far pensare ad altri episodi di abusi sessuali oltre a quello denunciato.

La docente,intanto, è stata sospesa dall’insegnamento e trattenuta nella prigione di Contea con una cauzione fissata a 25 mila dollari.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli studenti lanciano la mobilitazione nazionale per il Diritto allo Studio: "Il tempo è scaduto"

Next Article

Nicolais a Renzi: patto per la ricerca

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.