Student' Act, gli studenti protestano: emergono aspetti negativi, fate chiarezza

Gli studenti dell’UDU protestano con il Governo dopo aver visto le prime bozza della legge di bilancio 2017

Iniziano a circolare le prime bozze della legge di bilancio 2017 e gli studenti sono già sul piede di guerra.
Hanno incontrato qualche giorno fa il sottosegretario Faraone che li aveva rassicurati sulla bontà della manovra, ma emergono ora nuovi aspetti legati soprattutto alla contribuzione studentesca e all’eliminazione del vincolo del 20% nel rapporto fra bilancio di ateneo e rette degli studenti.
Questo rapporto è da anni che si cerca di abbattere. In passato ci sono stati casi in cui diversi atenei sono stati costretti a restituire ingenti somme, perché avevano superato proprio quel vincolo di bilancio.
Elisa Marchetti, coordinatrice nazionale dell’Unione degli Universitari, dichiara: “Nella bozza di legge di stabilità che è iniziata a circolare oggi abbiamo trovato molte sorprese che il Sottosegretario Faraone non aveva presentato negli incontri avuti e nelle conferenze stampa fatte. Si tratta di modifiche sostanziali che avranno effetti devastanti sulla contribuzione studentesca. Stando alla bozza pubblicata da Quotidiano Sanità, sarà abolito il DPR 306/1997 con il quale veniva fissato il tetto del 20% per la contribuzione studentesca. Abbiamo sempre criticato questo tetto per il modo in cui è stato applicato nel contesto del finanziamento statale degli ultimi anni, chiedendo di intervenire e di modificarlo, ma abolirlo del tutto non è certo una soluzione. Significherebbe liberalizzare totalmente le tasse universitarie per gli ISEE sopra i 25mila euro. Inoltre per gli studenti fuoricorso che rientrano nella fascia calmierata è previsto un aumento del 50% rispetto all’importo dovuto e comunque non inferiore ai 200€. Infine non è previsto alcun vincolo per la tassazione di studenti provenienti da Stati extra UE, lasciando libertà assoluta agli atenei: bel modo di attrarre studenti dentro e fuori l’Italia”.
Continua la coordinatrice dell’UDU: “A questo punto ci sembra evidente come l’istituzione della No Tax Area stessa rappresenti una misura spot, che non va assolutamente nella direzione auspicata. In un momento storico in cui sempre meno famiglie possono permettersi di mantenere agli studi i propri figli, non si può intervenire in maniera scellerata su un tema così delicato, consentendo l’aumento senza limiti della tassazione per famiglie con reddito superiore alla soglia dei 25.000. Il tutto considerando anche come incide il nuovo calcolo ISEE, il quale nell’anno passato ha già dimostrato come a parità di reddito moltissime famiglie hanno visto aumentare il proprio ISEE.”
Prosegue Marchetti: “Inoltre all’articolo 38 comma 2 viene previsto l’obbligo per le Regioni di istituire enti unici per il diritto allo studio entro 6 mesi dall’approvazione della legge di stabilità. A tali enti verrà poi dato direttamente la quota spettante di Fondo Integrativo Statale. Nonostante questa possa essere una misura positiva nel suo intento di evitare che le Regioni trattengano nei propri bilanci i fondi al diritto allo studio senza distribuirli come purtroppo più volte avvenuto e per favorire un’omogeneità territoriale, è del tutto evidente che il Governo non si rende affatto conto delle ricadute che avrebbe sui territori un modello calato dall’alto in così breve tempo. Inutile ricordare poi come ogni territorio abbia delle peculiarità tali per cui tale percorso sarebbe drammaticamente complesso e forse impossibile in soli 6 mesi: di fronte alla probabilissima situazione di caos che si andrebbe a generare i primi a pagarne le spese sarebbero nuovamente gli studenti. Su questa misura è quindi necessaria estrema cautela e soprattutto condivisione”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 26 ottobre

Next Article

Premio di Laurea Artemio Franchi: borse di studio per 12mila euro

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"