Stop, vogliamo cultura!

Gli studenti del Sannio dicono basta! Tre assemblee per discutere i problemi

Gli studenti del Sannio dicono basta! Basta esser considerati come “studenti di serie B”, basta tagli, basta menefreghismo.
Sono molto più che indignati i giovani della Facoltà di Ingegneria, sono stanchi di vedere il loro ateneo che cade in picchiata. Ddl gelmini, precarietà del mondo universitario, protesta di professori e ricercatori sono solo alcune delle problematiche che gli studenti stanno vivendo giorno per giorno.
E per questo proclamano lo stato di agitazione e invitano tutte le altre facoltà e tutti gli atenei d’Italia ad unirsi a tale forma di protesta “affinché questo non sia un sacrificio di pochi, ma la battaglia di tutti, per poter incrementare le possibilità di ottenere dei risultati e perché sia unanime il grido contro chi sta mercificando la cultura e il DIRITTO di tutti all’istruzione” riporta il loro comunicato.
Al grido di “Viviamo il presente costruendo il Futuro!” hanno indetto tre assemblee: la prima convocata per lunedì 28 alle ore 10.00 presso la Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali, la seconda per martedì 29 presso la Facoltà di Giurisprudenza alle ore 10.00 e infine mercoledì alla Facoltà di Scienze Biologiche.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Carta Ateneum al Sannio

Next Article

Quando la maturità diventa evasione

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.