Stati Uniti, medico università abusò di 117: l'ateneo si scusa

Un medico dell’Ohio University ha abusato di almeno 177 studenti maschi per quasi due decenni. Lo rivela un rapporto della scuola, secondo cui i funzionari universitari sono stati per anni a conoscenza delle sue azioni e non hanno fatto nulla per fermarlo. Il dottor Richard Strauss, che si è tolto la vita nel 2005, ha commesso gli abusi dal 1979 al 1997. La vicenda potrebbe costare cara all’ateneo per le cause intentate da molte vittime.
Pubblicando il rapporto, il rettore dell’Ohio State, Michael Drake, ha espresso il suo “profondo rammarico e le sincere scuse ad ogni persona che ha subito gli abusi di Strauss”. Quindi ha parlato di un “grave fallimento” dell’istituzione, ringraziando le vittime per il loro coraggio.
Molti degli accusatori di Strauss che hanno parlato pubblicamente hanno affermato di essere stati palpeggiati o toccati in modo inappropriato durante gli esami fisici, o di essere stati osservati negli spogliatoi. Diversi hanno anche detto agli investigatori che pensavano che il suo comportamento fosse di “dominio pubblico” e che i loro allenatori e gli altri medici lo sapessero.
“Ci auguriamo che il rapporto costringa l’università ad assumersi la responsabilità di non aver protetto i suoi giovani studenti”, ha affermato Steve Estey, avvocato di alcuni ex studenti che stanno facendo causa: “Se rifiuta di assumersi tale responsabilità, porteremo avanti i contenziosi civili e porteremo la vicenda davanti a una giuria”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

ELEZIONI EUROPEE, info e agevolazioni per i fuori sede

Next Article

Università, indette le sessioni degli Esami per l’abilitazione alla professione di medico-chirurgo nell’anno 2019

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".