Start Cup Campania, al via la III edizione

Studenti, docenti, ricercatori e personale tecnico amministrativo delle sette università campane hanno tempo fino al 31 marzo

C’è tempo fino al 31 marzo per partecipare alla terza edizione di Start Cup Campania, il concorso di idee aperto a studenti, docenti, ricercatori e personale tecnico amministrativo delle sette università campane.

Per partecipare è necessario elaborare un’idea imprenditoriale innovativa basata sulla ricerca scientifica, in qualsiasi campo e indipendentemente dal suo stadio di sviluppo, purché frutto del lavoro originale del gruppo o di un singolo componente del gruppo.

I progetti saranno valutati dal comitato scientifico secondo questi criteri:
– originalità dell’idea imprenditoriale;
– realizzabilità;
– potenzialità di sviluppo e ambizione del progetto;
– adeguatezza delle competenze del management team;
– attrattività del mercato di riferimento;
– qualità e completezza della documentazione.

Ai primi 5 Progetti in graduatoria verranno assegnati i seguenti Premi messi a disposizione dalle
Università promotrici:
1° classificato 5.000,00 euro
2° classificato 3.000,00 euro
3° classificato 2.000,00 euro
4° classificato 1.000,00 euro
5° classificato 1.000,00 euro

Qui il bando completo.

Guarda il servizio sulla premiazione dell’edizione 2011

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Riforma del lavoro. Napolitano: "Grave la mancanza di un accordo"

Next Article

Restauro per Leonardo

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"