Stage per la creazione di un nuovo portale

Il Circondario Empolese Valdelsa nasce nel 1997 grazie ad una Legge Regionale, ed è istituito quale “circoscrizione territoriale omogenea di decentramento amministrativo nell’ambito della Regione Toscana, nonché per l’esercizio di funzioni e servizi di ambito sovracomunale”.
Esso svolge quindi sul territorio di propria competenza gran parte delle funzioni provinciali, oltre ai compiti che le singole Amministrazioni comunali hanno ritenuto opportuno gestire in ambito circondariale.
Lo stage offerto è finalizzato alla creazione di un nuovo sito di informazione turistica dell’Ente. Le attività da svolgere consisteranno nella creazione della nuova struttura del sito, completa di link, immagini e testi da posizionare correttamente, in vista della creazione di un sito che utilizzi esclusivamente un programma open source.
Occorrono conoscenze di sistemi operativi Windows e di programmazione a livello medio. Gli interessati possono scrivere una email al centro per l’impiego specificando il posto per il quale ci si candida all’indirizzo [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cercansi direttori per Oviesse

Next Article

Il Miur rilancia l'istruzione tecnica

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.