Sportello di orientamento gratuito per aspiranti traduttori letterari

Sognate di lavorare come traduttori, ma non sapete da dove cominciare? Ecco l’opportunità che risolve tutte le vostre perplessità: tornano gli appuntamenti di consulenza e formazione della Casa delle Traduzioni, a Roma.
Come ogni anno, la casa delle Traduzioni riapre il suo Sportello di orientamento alla professione di traduttore letterario. Un aiuto per tutti gli studenti di mediane e traduzione, ma anche per appassionati e addetti ai lavori che aspirano ad acquisire competenze professionali ma non sanno come muovere i primi passi.
Lo sportello ha lo scopo di offrire a studenti di traduzione e aspiranti traduttori letterari una panoramica sugli aspetti principali della professione di traduttore letterario. Punto di riferimento regolare, l’iniziativa si propone di fornire, per quanto possibile, una consulenza personalizzata in base alle esigenze specifiche di ciascun richiedente.
Partecipare è semplice: basta iscriversi agli incontri inviando una email all’indirizzo [email protected]. L’iscrizione è riservata ai possessori della Bibliocard, la carta che dà accesso ai servizi delle Biblioteche di Roma e che costa 5 euro all’anno.
Questo il calendario dei prossimi incontri che si terranno dalle ore 11 alle 13, tutti coordinati da Marina Rullo, traduttrice letteraria e fondatrice del network per traduttori editoriali Biblit:

  • 17 aprile 2015
  • 8 maggio 2015
  • 5 giugno 2015
  • 3 luglio 2015.

Tutte le informazioni sugli incontri e sulle attività le potete trovare sul sito della Casa delle Traduzioni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Consiglio di Stato: diplomati magistrali ammessi nelle Graduatorie

Next Article

MAE: 15 borse di studio per corsi estivi in Polonia

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.