Specializzazione sul sostegno 22mila posti. 20 settembre i test preselettivi

Dal 20 settembre 2021 i test preselettivi per l’ammissione ai percorsi

Sono 22.000 i posti disponibili per il VI ciclo di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità nella scuola dell’infanzia, nella primaria, nella scuola secondaria di I e II grado. Oltre 2.000 posti in più rispetto al ciclo precedente.

È quanto contenuto nel Decreto n. 755 del Ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, attraverso il quale vengono anche fissati i posti per ogni ateneo che ha validamente presentato la propria offerta formativa.

Ogni università indicata nell’allegato al decreto stesso dovrà ora emanare i bandi per l’accesso ai percorsi di formazione che dovranno concludersi entro il mese di luglio 2022. Per l’accesso ai corsi tutti i candidati dovranno superare un test preselettivo, uno o più prove scritte o una prova pratica e una prova orale.

Il Decreto fissa inoltre le date dei test preselettivi che per tutti gli indirizzi della specializzazione si terranno nelle mattine dei seguenti giorni:

  • 20 settembre per la scuola dell’infanzia,
  • 23 per la scuola primaria,
  • 24 per la scuola secondaria di I grado,
  • 30 per la secondaria di II grado.

Esclusivamente per questo VI ciclo, i candidati che abbiano superato la prova preselettiva del V ciclo ma che a causa di isolamento e/o quarantena per l’emergenza sanitaria non abbiano potuto sostenere le ulteriori prove, sono ammessi direttamente alla prova scritta.

Il link al decreto:

https://www.mur.gov.it/it/atti-e-normativa/decreto-ministeriale-n-755-del-6-7-2021
Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

‘Tech & Sustainability’ Huawei presenta il rapporto sul ruolo della tecnologia nella natura

Next Article

La scuola del futuro all’European Summer Camp. Il Ministro Bianchi: “Il prossimo sarà un anno costituente”

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".