Sostegno ai mutamenti strutturali, nuovo bando MIUR

Presso il Pico presentato il bando “Sostegno ai mutamenti strutturali” lanciato dal MIUR nell’ambito del PON Ricerca e Competitività 2007-2013.

Presso il Pico (Palazzo dell’Innovazione e della Conoscenza), sarà presentato il bando “Sostegno ai mutamenti strutturali” lanciato dal MIUR lo scorso 18 maggio nell’ambito del PON Ricerca e Competitività 2007-2013.

Il Ministero dell’Università e della Ricerca ha reso disponibili 400 milioni di euro di finanziamento per progetti di sviluppo ed autosostenibilità rivolti a Università ed Istituti Universitari statali, Enti ed Istituzioni Pubbliche Nazionali di Ricerca e altri organismi di ricerca senza scopo di lucro.

Aperto in collaborazione con la Regione Campania, il bando sarà presentato da Guido Trombetti, assessore regionale all’Università e alla Ricerca scientifica. Interverranno Fabrizio Cobis, Autorità di gestione del Pon R&C e Daniela Mercurio, di Punto di Contatto Nazionale Infrastrutture del VII PQ. La chiusura della sessione è riservata a Edoardo Imperiale, direttore generale di Campania Innovazione. Obiettivo della giornata è informare sui contenuti del bando, approfondire il concetto di infrastruttura di ricerca nell’ottica della commissione europea e migliorare la conoscenza delle azioni nazionali ed europee sul tema delle Infrastrutture nel 7° Programma Quadro di RST.

Il bando prevede il finanziamento a progetti di potenziamento strutturale per metà a ricadere sul Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e per l’altra metà sul Fondo di rotazione (FDR).
La scadenza per presentare le domande è prevista per il prossimo 11 agosto.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Conterre, mostra stabile ad architettura

Next Article

Borse Domus Academy

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa