Simulazione seconda prova di maturità 2019: tracce, novità e autori

A nove giorni dalla prima arriva anche la seconda simulazione per la Maturit 2019. Il Miur alle ore 8:30 ha pubblicato sulla sezione dedicata agli Esami di Stato del proprio sito ufficiale le tracce della simulazione della seconda prova di maturità 2019. Una volta pubblicate le tracce alle scuole non resta che stamparle e distribuirle tra i maturandi che, penna alla mano, potranno iniziare ufficialmente la seconda prova. L’appuntamento è dei più importanti: dopo le novità che il Miur ha apportato al nuovo esame di Stato – specie alla seconda prova – gli studenti potranno finalmente farsi un’idea chiara della struttura e del livello delle tracce.
Tacito per il classico, matematica e fisica insieme allo scientifico. La grande novità della seconda prova è la sua natura multidisciplinare: gli indirizzi di studio con più di una materia caratterizzante devono affrontare una prova che comprende domande e quesiti di due diverse discipline. L’incubo della pluridisciplinarità è stato introdotto dalla rifoma della Buona Scuola ma, fino all’ultimo, si pensava che il Miur sarebbe tornato sui propri passi, facendo qualche sconto ai maturandi e scegliendo un’unica materia per la seconda prova 2019. Così non è stato e ora, la maggior parte degli indirizzi di studio, dovranno confrontarsi con una prova di maturità multidisciplinare che avrà come oggetto le materie scelte dal Miur.

Le tracce della seconda prova 2019cambiano a seconda dell’indirizzo di studi. Per ciascuna prova d’esame il Miur ha definito gli argomenti e la griglia di valutazione.
 
LICEO CLASSICO 
LICEO SCIENTIFICO
LICEO LINGUISTICO: Inglese-Cinese, Inglese-Francese, Inglese-Russo, Inglese-Spagnolo, Inglese-Tedesco
SCIENZE UMANE
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Classifica università, migliorano le italiane: Sapienza prima per Antichità

Next Article

Rimini, 12enne si lancia dalla finestra dopo aver preso una nota: è grave

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.