Siena, incontro con Travaglio e Caselli

Il più forte alleato della mafia è il silenzio: non parlare del fenomeno aiuta a farlo proliferare indisturbato. La lotta alla criminalità organizzata si combatte anche con la parola: per questo venerdì 13 giugno – alla facoltà di Giurisprudenza di Siena – il giornalista Marco Travaglio e il magistrato Giancarlo Caselli incontreranno gli studenti per discutere dell’impatto sociale della mafia.
L’incontro, dal titolo “La lotta all’eversione mafiosa, tra tribunale e cultura”, è organizzato dall’associazione studentesca ELSA SienaEuropean law students’ association, con l’obiettivo di unire l’approfondimento di tematiche giuridiche alla riflessione sui temi dell’attualità politica e sociale.
Come annunciano gli organizzatori dell’evento, “Travaglio e Caselli metteranno a disposizione degli studenti le proprie esperienze professionali per aiutare a capire cosa sia realmente il fenomeno mafia, quale sia l’impatto sulla società della dilagante ‘anticultura’ mafiosa e per riflettere sul ruolo di ogni studente e futuro giurista nella battaglia culturale per la difesa di legalità e giustizia”.
L’incontro si svolgerà nell’aula magna della facoltà di Giurisprudenza (via Mattioli 11) a partire dalle ore 16.
ELSA è una delle più grandi associazioni studentesche al mondo: coinvolge circa 30mila studenti e neolaureati in giurisprudenza e opera attraverso gruppi locali in oltre 200 università dislocate in 36 paesi europei. I progetti dell’organizzazione, portati avanti dagli studenti che ne fanno parte, sono volti a promuovere il rispetto per la dignità umana e le differenze culturali, l’educazione alla legalità e la responsabilità sociale.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturandi: "Sport, routine e niente Mc’Donalds"

Next Article

L'instant book per sapere chi siede in Parlamento

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.