Se la musica anticipa la prima volta

cuffie.gifLa musica governa gli ormoni. Si potrebbe sintetizzare così il lavoro dei ricercatori dell’Università di Pittsburgh (Usa), che hanno monitorato gusti musicali e vita sessuale di 711 adolescenti dai 13 ai 18 anni, in uno studio pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine. Per la precisione loro parlano di gusti sessuali e soprattutto di una possibile accelerazione nella ricerca di rapporti sessuali da parte di chi preferisce canzoni con riferimenti espliciti sul sesso.
I ricercatori, infatti, hanno scoperto che i ragazzi appassionati di canzoni con frasi esplicite e aggressive sul sesso, due volte più spesso degli altri hanno già avuto il primo rapporto. Lo studio ha previsto la suddivisione dei ragazzini in tre gruppi: quelli che ascoltavano i brani dai testi crudi e allusivi regolarmente, quelli che lo facevano a volte e quelli che si limitavano a sentirle raramente. E il risultato, per gli studiosi, è sembrato incontrovertibile: il 45% dei giovanissimi appassionati aveva già dimestichezza col sesso, contro il 21% degli ascoltatori meno fedeli.
“Sembra certamente esserci un legame” tra le due esperienze, afferma Brian Primack, responsabile dello studio. “Ma è difficile dire se il fatto di ascoltare questa musica contribuisca direttamente all’avere rapporti precoci. In ogni caso – aggiunge – credo che i genitori dovrebbero pensarci. Non voglio suggerire a madri e padri di vietare questo tipo di canzoni, è difficile che questo aiuti. Ma certo i genitori dovrebbero parlare ai figli del sesso e – conclude – inserire le frasi anche crude di questi brani in un contesto”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Una contabile esperta su Roma

Next Article

Borse di studio per specializzarsi in diritto civile

Related Posts
Leggi di più

Orientasud, torna il salone per i ragazzi del Meridione. Berriola: “Aziende non trovano giovani”

a mercoledì 3 a venerdì 5 novembre, tre giorni di evento nel segno dei giovani. Orientamento, informazioni, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari e workshop per sostenere le scelte formativo-professionali dei ragazzi. Grazie alla piattaforma Natlive e al canale live streaming disponibile, il salone potrà essere seguito in diretta da tutto il Paese.