Se la musica anticipa la prima volta

cuffie.gifLa musica governa gli ormoni. Si potrebbe sintetizzare così il lavoro dei ricercatori dell’Università di Pittsburgh (Usa), che hanno monitorato gusti musicali e vita sessuale di 711 adolescenti dai 13 ai 18 anni, in uno studio pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine. Per la precisione loro parlano di gusti sessuali e soprattutto di una possibile accelerazione nella ricerca di rapporti sessuali da parte di chi preferisce canzoni con riferimenti espliciti sul sesso.
I ricercatori, infatti, hanno scoperto che i ragazzi appassionati di canzoni con frasi esplicite e aggressive sul sesso, due volte più spesso degli altri hanno già avuto il primo rapporto. Lo studio ha previsto la suddivisione dei ragazzini in tre gruppi: quelli che ascoltavano i brani dai testi crudi e allusivi regolarmente, quelli che lo facevano a volte e quelli che si limitavano a sentirle raramente. E il risultato, per gli studiosi, è sembrato incontrovertibile: il 45% dei giovanissimi appassionati aveva già dimestichezza col sesso, contro il 21% degli ascoltatori meno fedeli.
“Sembra certamente esserci un legame” tra le due esperienze, afferma Brian Primack, responsabile dello studio. “Ma è difficile dire se il fatto di ascoltare questa musica contribuisca direttamente all’avere rapporti precoci. In ogni caso – aggiunge – credo che i genitori dovrebbero pensarci. Non voglio suggerire a madri e padri di vietare questo tipo di canzoni, è difficile che questo aiuti. Ma certo i genitori dovrebbero parlare ai figli del sesso e – conclude – inserire le frasi anche crude di questi brani in un contesto”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Una contabile esperta su Roma

Next Article

Borse di studio per specializzarsi in diritto civile

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.