Scuole italiane protagoniste con Space STEM a Expo 2020 Dubai

Dal 17 al 19 ottobre a Expo 2020 Dubai si terrà Space STEM, il primo hackathon internazionale sull’educazione allo spazio, promosso dal Ministero dell’Istruzione, in collaborazione con il Commissariato Italiano di Expo.

Saranno cinque le scuole italiane protagoniste delle attività che si svolgeranno al Padiglione Italia in occasione della Settimana Expo dedicata allo Spazio: l’I.I.S. “Volta di Pescara”; il Liceo “Pascasino” di Marsala; il Liceo Scientifico “Grassi” di Latina; l’I.S.I.S “Giulio Natta” di Bergamo; l’I.I.S. “Volterra Elia” di Ancona. Dieci studentesse e studenti italiani, e altri dieci di nazionalità diverse, suddivisi in squadre, si confronteranno e discuteranno con metodologie creative e innovative per comprendere e analizzare il legame che intercorre tra Spazio e Terra.

Lo Space STEM sarà l’occasione per raccogliere il punto di vista e le idee dei più giovani sull’attualità delle sfide che riguardano il mondo dell’educazione e dell’orientamento formativo e professionale, anche al fine di innalzare il livello di alfabetizzazione scientifica di studentesse e studenti, promuovendo percorsi di studio e carriere tecnico-scientifiche e accrescendo così il loro interesse verso le attività spaziali.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Reclutamento ricercatori, il Parlamento rischia di tornare indietro sui concorsi truccati

Next Article

MUR: Concorso per 125 funzionari. Domande entro il 30 ottobre

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.