Scuola, Speranza e Azzolina: al lavoro per il rientro in sicurezza a settembre

“Siamo al lavoro incessantemente per consentire il rientro nelle aule in sicurezza a settembre. Il Comitato tecnico-scientifico, dopo aver definito il documento, presentato la scorsa settimana, relativo agli esami di Stato, è ora concentrato sul protocollo di sicurezza che guarda al nuovo anno scolastico. Le misure saranno consegnate al Ministero dell’Istruzione la prossima settimana”. Lo dichiarano il Ministro della Salute Roberto Speranza e la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.

“La scelta di chiudere le scuole – ribadiscono – è stata dura ma necessaria. Essa ha consentito di tutelare la salute di tutti noi. Ora lavoriamo per settembre con indicazioni che saranno improntate alla massima sicurezza, chiarezza e attuabilità. Misure che, dopo il vaglio del Comitato tecnico-scientifico, saranno portate all’attenzione dei sindacati per la preliminare condivisione e poi diffuse alle scuole per la necessaria attività preparatoria dei prossimi mesi”, proseguono i due Ministri.

“Tutto il mondo della scuola ha fatto un grande sacrificio in queste settimane – sottolinea il Ministro Speranza – fondamentale per salvaguardare la salute di tanti cittadini. Di questo siamo tutti consapevoli. Il Ministero della Salute, in piena sintonia con il Comitato tecnico-scientifico, continuerà ad essere al fianco del mondo dell’Istruzione, per far sì che il rientro nelle aule avvenga a settembre e in piena sicurezza”.

“Ringrazio il Comitato per il grande lavoro di queste settimane – aggiunge la Ministra Azzolina – e per il supporto che sta dando al Ministero dell’Istruzione e alle scuole. Vogliamo tutti tornare presto alla normalità. La collaborazione con il Ministero della Salute è imprescindibile”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

#ScuolaFutura, premiati i progetti vincitori della maratona online dedicata alle idee dei ragazzi

Next Article

Coronavirus, estate 2020 e rincaro dei prezzi: quanto costerà andare al mare?

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident