Scuola, domani lo sciopero nazionale contro il Governo

Il mondo della scuola scende in piazza, nonostante sia stato scongiurato il pericolo dell’aumento delle 24 ore. Dopo la proclamazione dello sciopero dei trasporti ferroviari, aerei e di merci,
indetto per domani 14 novembre in tutta Italia contro le misure della nuova Legge di Stabilità, è pronto a scendere in piazza anche il mondo della scuola.

Il ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, ha infatti detto che il dibattito è aperto e che sono stati riportati altri tagli previsti per la scuola nella legge di stabilità. E la scuola dice no proprio a questi tagli.

Lo sciopero è stato indetto da Cobas, Cub scuola, Unicobas scuola, Flc Cgil, Usi Ait scuola, Nidil/Cgil, Usi, Sisa. Inoltre il Collettivo autonomo Studentesco ha inoltre proclamato possibili manifestazioni in tutte le città italiane.

La protesta è inoltre coordinata a livello europeo dalla Confederazione europea dei sindacati (Ces). Con lo sciopero della scuola si intende chiedere al governo investimenti nell’istruzione pubblica, lo sblocco dei contratti e il riconoscimento degli scatti di anzianità; il ruolo unico dalle materne alle superiori a 18 ore e che i precari vengano assunti a tempo indeterminato.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'obesità è provocata anche dall'orario in cui si mangia

Next Article

DIRETTA da NAPOLI. Occupazione, Profumo ai giovani: visitate le fabbriche

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".