Scrutatori, compenso e domanda per le elezioni del 25 settembre

Fino a 150 euro di compensi per lavorare nei seggi elettorali il 25 settembre: come ci si iscrive?

Sono sempre più vicine le elezioni politiche: in vista del 25 settembre 2022, in tutta Italia saranno allestiti i seggi elettorali presso cui i cittadini si recheranno a votare. Ma la domanda che molti si pongono è: quanto guadagnano gli scrutatori? I compensi variano a seconda del tipo di consultazione elettorale. Il ministero dell’Interno, in una circolare, ha aggiornato le quote dei compensi in occasione della tornata di referendum e amministrative dello scorso giugno. Di norma per le elezioni politiche e quelle comunali è previsto lo stesso compenso. Che è diverso per scrutatore e per presidente di seggio.

Cosa si fa e quanto si prende

Nei seggi ordinari il compenso previsto per lo scrutatore e il segretario è di 120 euro, mentre per il presidente si arriva fino ai 150 euro. Il compenso varia sia a seconda della tipologia di elezione, ma anche nel caso in cui si svolgano più operazioni in contemporanea. Se, ad esempio, insieme alle elezioni politiche si dovesse celebrare anche un referendum, il compenso sarebbe maggiore, in quanto aumenterebbero nettamente le schede da controllare.

In ogni seggio saranno nominati almeno due scrutatori, fino a un massimo di quattro. Questi hanno il compito in primis di predisporre tutto il materiale necessario alla votazione, di verificare l’identità dei cittadini che si presentano alle urne, annotando poi il numero della tessera elettorale, e infine di partecipare allo spoglio delle schede, assistendo il presidente di seggio e il segretario nella composizione dei verbali sulle operazioni di voto. Per fare domanda e ricoprire questo incarico bisogna essere cittadino italiano, aver compiuto la maggior età, aver assolto agli obblighi scolastici, essere iscritto alle liste elettorali del Comune e godere dei diritti civili e politici.

Come fare la domanda per gli scrutatori

Chi vuole diventare scrutatore ed esaurisce tutti i requisiti necessari deve iscriversi all’albo delle persone idonee. La domanda va presentata in Comune dove si ha la residenza (e dove voterete) e sottoposta al sindaco generalmente entro il mese di novembre di ogni anno. La nomina, che deve avvenire tra il 25esimo e il 20esimo giorno prima della votazione, spetta alla commissione elettorale comunale. Di questa fanno parte il primo cittadini e alcuni consiglieri comunali.

Presso il seggio elettorale, come abbiamo detto, non sono presenti solo gli scrutatori. Ci sono anche un presidente di seggio e un segretario. Il primo viene nominato dalla Corte d’appello competente entro trenta giorni prima delle elezioni. La normativa vuole che sia scelto tra magistrati, avvocati e procuratori dell’Avvocatura di Stato, ma anche impiegati civili a riposo, funzionari delle cancellerie giudiziarie o notai. Spetta poi proprio al presidente di seggio nominare un segretario.

Leggi anche:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Italia a rischio speculazione? L'economista e Prorettore della Bocconi Caselli: "Alcuni hedge fund stanno testando il terreno, ma all'Europa non conviene questa speculazione"

Next Article

Covid, rientro in classe a settembre: le nuove regole 

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.