Roma: stage alla Corte Costituzionale

Programma Stage Corte Costituzionale – Università per avvicinare la realtà accademica al mondo del lavoro.

Il Programma di Stage Corte Costituzionale – Università si propone di avvicinare la realtà accademica al mondo del lavoro.
Un’importante esperienza formativa della durata di sei mesi presso la Corte Costituzionale per giovani neolaureati in giurisprudenza (non corsi di laurea triennali) o in altre lauree equipollenti, di età non superiore ai 30 anni, per acquisire una conoscenza diretta e concreta delle attività della Corte.
Requisiti richiesti sono il conseguimento della laurea con votazione minima 105/110 e una buona conoscenza delle lingue delle principali aree europee.
Possono partecipare anche appassionati attualmente iscritti a un dottorato di ricerca, a una scuola di specializzazione o a un master riguardanti le tematiche del diritto e della giustizia costituzionale o chi è in possesso di altri titoli equivalenti comunque rilasciati dalle Università.
I candidati dovranno inviare la candidatura presso gli uffici responsabili delle proprie Università, che dovranno inoltre fornire altre utili e indispensabili informazioni sulle modalità di partecipazione (anche la data di scadenza delle candidature) e selezione.
Le quattro risorse che verranno selezionate saranno inserite presso il Servizio studi e massimario della Corte o presso le segreterie dei Giudici costituzionali.
Per ulteriori informazioni è possibile leggere il bando.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vita senza ossigeno scoperta all'Univpm

Next Article

In aula con l’Unicef

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.