Roma, prende fuoco l'autobus: spavento per gli studenti di una scuola

Un altro bus è andato a fuoco a Roma, dopo quello esploso stamani in pieno centro. La notizia, riportata dal Messaggero, riguarda un mezzo della linea 06 incendiatosi in una zona periferica, in via di Castel Porziano, di fronte a una scuola.
La linea parte da Ostia e raggiunge zona Casal Palocco facendo delle scuole del quartiere era pieno di studenti quando il fumo ha cominciato a uscire dalla parte posteriore. Le fiamme sono divampate davanti alla scuola Mozart.
«Mia figlia mi ha chiamato piangendo – racconta Alessandra – Mi ha detto “Mamma l’autobus sta andando a fuoco, siamo riusciti a scappare». I vigili del fuoco sono accorsi sul posto e hanno cominciato a spegnere il fuoco davanti agli studenti sotto choc. 
https://www.facebook.com/ranjithp68/videos/10215865979352211/

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 8 maggio

Next Article

Boom di aziende create dagli atenei italiani. Ma il gap con l'estero è ancora grande

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.