Roma: obbligatorio il crocefisso nelle scuole

Su proposta dei consiglieri della lista “Noi con Salvini” è stato approvata in questi giorni presso il consiglio municipale del primo municipio una mozione che prevede l’introduzione obbligatoria dei crocifissi negli istituti del quadrante di riferimento

Ci uniamo allo sdegno espresso dai consiglieri di SEL davanti a un grave atto che va a ledere la dignità  di tutte le confessioni religiose presenti nelle nostre scuole, piuttosto che lavorare nel segno dell’integrazione e della tolleranza questa mozione va verso un progressivo attacco alla laicità del nostro stato e della nostra istruzione.” – dichiara in una nota al Corriere dell’Università Aron Vinci, Unione degli studenti Roma – “Quello che invece come Unione degli Studenti Roma promuoviamo da tempo nelle scuole sono momenti di confronto e sensibilizzazione volti a fare delle differenze di credo e culture un punto di forza della nostra istruzione. Ne è una prova l’approvazione dello “Statuto degli studenti e delle studentesse contro ogni forma di discriminazione” votato presso la Consulta Provinciale degli Studenti Roma lo scorso anno”.
Prosegue Adriano Nardo, Uds Roma: “Ciò che riteniamo importante oggi come organizzazione studentesca è di rilanciare ed intensificare le iniziative volte alla tutela di un diritto fondamentale quale l’istruzione laica nelle nostre scuole. Da anni portiamo avanti le proposte di sostituire l’ora di religione cattolica con l’ora di “storia delle religioni” e di modificare i programmi didattici in un’ottica non etnocentrica ed europocentrica. È necessario continuare a promuovere il tema della laicità, fuori e dentro le istituzioni, per lanciare un segnale forte che ribadisca un no secco a qualunque forma di discriminazione o atto lesivo nei confronti della libertà di credo nella nostra città”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I ricercatori scrivono al ministro Giannini

Next Article

La rassegna stampa di lunedì 16 febbraio

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".