Ricerca, ESFRI: Su 11 nuovi progetti 9 vedono la presenza italiana

Messa: “Il nostro Paese sempre più protagonista in Europa”

«L’Italia è protagonista nel panorama europeo della ricerca. L’approvazione da parte del Forum Strategico Europeo per le Infrastrutture di Ricerca (ESFRI) di 11 nuovi Progetti, di cui ben 9 vedranno la presenza italiana, rappresenta una buona notizia per il nostro Paese ed è la conferma di quanto la ricerca italiana possa diventare sempre più riferimento in contesti internazionali». 

Così il Ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, commentando l’approvazione dei nuovi progetti che entrano nella roadmap ESFRI 2021.

Rispetto alle nuove approvazioni, l’Italia è il Paese che coordinerà più progetti, 4 in tutto2 guidati dal CNR-Consiglio Nazionale delle Ricerche (RESILIENCE– Religious Studies Infrastructure: Tools, Innovation, Experts, Connections and Centers e SoBigData++ RI-European Integrated Infrastructure for Social Mining and Big Data Analytics) e 2 da INFN-Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (ET-Einstein Telescope e EUPRAXIA– European Plasma Research Accelerator with Excellence in Applications). Parteciperà, poi, ad altri 5 progetti guidati da enti di altri Paesi europei.

«La decisione di ESFRI è la dimostrazione concreta alla partecipazione attiva della comunità scientifica italiana nelle Infrastrutture di Ricerca e della capacità di contribuire in maniera determinante nel proporre innovazioni al fine di colmare quei divari che ancora esistono in diversi settori e ambiti della società».

A questo link è disponibile il comunicato con l’annuncio di ESFRI: https://www.esfri.eu/latest-esfri-news/new-ris-roadmap-2021

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

YEP Young Women Empowerment Program: Talenti femminili e formazione nel Sud Italia

Next Article

Premio Tesi di Laurea per laureandi in Beni Culturali

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.