Regione Veneto: lavoro per personale medico e sanitario COVID19

La Regione Veneto nell’ambito dell’emergenza sanitaria da Covid19 ha pubblicato, tramite Azienda Zero, due avvisi pubblici volti a raccogliere manifestazioni di interesse per la formazione di elenchi di personale medico e sanitario. Le risorse dovranno essere disponibili a prestare assistenza nelle Aziende sanitarie del territorio regionale.

Ecco cosa sapere sui posti di lavoro Regione Veneto e come candidarsi.

La Regione Veneto ha pubblicato infatti due avvisi finalizzati alla formazione di elenchi di personale medico e sanitario disponibili a prestare assistenza nelle Aziende sanitarie della Regione Veneto.

Le figure ricercate sono le seguenti:
– medici specialisti;
– medici specializzandi;
– laureati in medicina e chirurgia;
– laureati in medicina e chirurgia, anche se privi della cittadinanza italiana, abilitati all’esercizio della professione medica secondo i rispettivi ordinamenti di appartenenza, previo riconoscimento del titolo;
– personale medico collocato in quiescenza, anche ove non iscritto al competente albo professionale in conseguenza del collocamento a riposo;
– personale sanitario.

Si segnala che gli avvisi rimarranno aperti sino a copertura delle necessità assistenziali.

Le risorse saranno assunte con contratto di collaborazione coordinata e continuativa

La durata dell’incarico e l’impegno orario saranno concordati tra l’Azienda e i professionisti a seconda della disponibilità manifestata e del perdurare delle necessità assistenziali dovute all’epidemia da Coronavirus.

Si segnala, inoltre, che sono previsti i seguenti compensi, in base alla posizione per la quale ci si candida:

  • 60 € lordi per incarichi libero professionali o di collaborazione coordinata e continuativa conferiti a medici specialisti;
  • 60 € lordi per incarichi libero professionali conferiti a medici specialisti in quiescenza;
  • 40 € lordi per incarichi libero professionali o di collaborazione coordinata e continuativa conferiti a medici specializzandi o a medici laureati e abilitati privi di specializzazione;
  • 30 € lordi per il personale sanitario.

Possono partecipare alle assunzioni della Regione Veneto per personale medico e sanitario i candidati in possesso dei seguenti requisiti specifici:

MEDICI
– iscritti all’ultimo e al penultimo anno di corso delle scuole di specializzazione;
– laureati in medicina e chirurgia, abilitati all’esercizio della professione medica e iscritti agli ordini professionali.

PERSONALE SANITARIO
– laurea per il profilo specifico oppure titolo equipollente secondo la normativa vigente;
– iscrizione all’Albo della professione sanitaria per il profilo specifico;
– è ammissibile il personale collocato in quiescenza, anche ove non iscritto al competente albo professionale in conseguenza del collocamento a riposo.

Le candidature agli avvisi pubblici della Regione Veneto, redatte secondo i modelli sotto allegati, dovranno essere presentate esclusivamente al seguente indirizzo mail: [email protected]

Alle domande sarà necessario allegare la copia di un documento di identità, in corso di validità.

Solo per i cittadini di stato estero non facente parte dell’Unione Europea, è necessario allegare regolare permesso di soggiorno in corso di validità.

Ogni altro dettaglio sulle modalità di presentazione delle domande è riportato nei bandi che rendiamo disponibili di seguito.

Tutti gli interessati alle offerte di lavoro Regione Veneto per personale medico e sanitario nell’ambito dell’emergenza Covid19 sono invitati a leggere con attenzione i bandi. Le successive comunicazioni saranno rese note attraverso il sito www.anpal.gov.it nella sezione ‘Media > Notizie’.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, Azzolina: scuole chiuse fino al 13 aprile. Su maturità decisione a giorni

Next Article

Test d’ingresso universitari online? Il Ministro fa chiarezza

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".