Regione, 25milioni ai servizi per il lavoro

25 milioni di euro per qualificare e innovare il sistema integrato dei servizi per il lavoro pubblico e privato.

“Con la delibera di giunta sul Masterplan stanziamo 25 milioni di euro da destinare alle Province e alle azioni regionali per gli interventi che dovranno qualificare e innovare il sistema integrato dei servizi per il lavoro pubblico e privato.” Così l’assessore regionale al Lavoro Severino Nappi sull’approvazione delle Linee Guida per il potenziamento dei servizi per il lavoro.

“Obiettivo del Masterplan – ha sottolineato Nappi – è la creazione della rete dei servizi, con il coinvolgimento delle agenzie del lavoro, delle università campane, degli operatori abilitati ad operare sul mercato del lavoro, per la crescita delle opportunità di inserimento lavorativo della popolazione attiva, per la valorizzazione delle risorse umane delle imprese e della struttura produttiva della regione.“Le azioni del Masterplan si sviluppano attraverso i piani provinciali e le azioni di sistema e prevedono sistemi di regolamentazione e di governance condivisi, infrastrutture tecnologiche avanzate per l’informazione e la trasparenza, attività di formazione e di aggiornamento per gli operatori, servizi innovativi e di eccellenza” ha concluso l’assessore.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dal brain drain al brain waste

Next Article

Collaboratori ufficio stampa

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.