Reddito di Cittadinanza: requisiti, come richiederlo, regole e sanzioni

Da oggi sarà attivo il sito del dove sarà possibile reperire tutte le informazioni necessarie per la presentazione della richiesta. Il sito al link: Le domande si potranno inoltrare a partire dal 6/7 marzo.
 
Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legge che introduce misure urgenti per contrastare la povertà e rilanciare l’occupazione, tra cui il Reddito di cittadinanza. Si tratta di un nuovo strumento di politica economica attraverso il quale le persone che si trovano in condizioni di particolare disagio economico e sociale possono ottenere un sostegno economicoformazione professionale e un posto di lavoro. In questa guida ti diamo tutte le informazioni utili sui requisiti richiesti per accedere al Reddito di cittadinanza e come richiederlo. Inoltre, facciamo chiarezza sulle regole relative a questa nuova misura e sulle sanzioni previste.
Puoi richiedere il Reddito di Cittadinanza 2019 (o la Pensione di cittadinanza) se possiedi i seguenti requisiti generali:
– sei un cittadino italiano, europeo o soggiornante di lungo periodo;
– risiedi in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in via continuativa;
– hai compiuto 18 anni;
– sei disoccupato o inoccupato;
– hai un ISEE inferiore a 9.360 euro l’anno;
– possiedi un patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa di abitazione, fino ai 30.000 euro annui;
– il tuo patrimonio finanziario (mobiliare) non supera 6.000 euro. Questo limite viene accresciuto di 2.000 euro per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di 10.000 euro, incrementabile di ulteriori 1.000 euro per ogni figlio successivo al secondo. Nel caso di famiglie con persone disabili può arrivare fino a 20.000 euro, in quanto i valori massimi previsti vengono incrementati di 5.000 euro per ogni componente con disabilità.
Si stima che potranno accedere al Reddito di cittadinanza circa 5 milioni di persone che si trovano al di sotto della soglia di povertà assoluta. Il 47% dei beneficiari sarà al Centro – Nord e il 53% al Sud e Isole.
Per accedere al beneficio, infatti, devi:
– sottoscrivere il Patto per il Lavoro con un Centro per l’Impiego o un’Agenzia per il Lavoro, se hai un’adeguata formazione e sei in grado di lavorare;
– sottoscrivere il Patto per la Formazione con Enti di formazione bilaterale, Enti interprofessionali o Aziende, se hai bisogno di formarti;
– sottoscrivere il Patto per l’Inclusione Sociale, che coinvolge sia i servizi sociali che i Centri per l’Impiego, se non sei in condizione di lavorare.

Se sottoscrivi il Patto per il Lavoro o il Patto di Inclusione, devi partecipare a progetti utili alla collettività predisposti dai Comuni, fino ad 8 ore settimanali. Se, invece, sei affetto da una disabilità tale da non consentire un accesso al mondo del lavoro o assisti figli di età inferiore ai 3 anni oppure individui non autosufficienti, sei esonerato dalla sottoscrizione di questi due patti.

Se hai sottoscritto il Patto per il Lavoro, il Centro per l’Impiego ti proporrà fino a 3 offerte di lavoro, in base a determinati requisiti di distanza e alla durata del periodo di disoccupazione. Se rifiuti la terza opportunità di impiego proposta, perdi il RdC.
Ecco alcuni esempi del Reddito di cittadinanza che puoi percepire, in base alla composizione del tuo nucleo familiare e alla tua situazione economica:

  • se sei una persona che vive da sola, hai diritto ad un RdC fino a 780 euro al mese, di cui fino a 500 euro come integrazione al reddito e 280 euro di contributo per l’affitto, oppure 150 euro di contributo per il mutuo;
  • se fai parte di una famiglia composta da 2 adulti e 2 figli minorenni, il tuo nucleo familiare può percepire fino a 1.180 euro al mese di RdC, di cui fino a 900 euro mensili come integrazione al reddito e 280 euro di contributo per l’affitto, oppure 150 euro di contributo per il mutuo;
  • se fai parte di una famiglia composta da 2 adulti, 1 figlio maggiorenne e 1 figlio minorenne, il tuo nucleo familiare può percepire un Reddito di cittadinanza fino a 1.280 euro mensili, composto da una integrazione reddituale fino a 1.000 euro più 280 euro al mese di contributo per l’affitto, oppure 150 euro di contributo per il mutuo;
  • se fai parte di una famiglia composta da 2 adulti, 1 figlio maggiorenne e 2 figli minorenni, il tuo nucleo familiare ha diritto ad un Reddito di cittadinanza fino a 1.330 euro al mese, con una integrazione al reddito fino a 1.050 euro e un contributo per l’affitto o per il mutuo pari a, rispettivamente, 280 euro o 150 euro.

Stando al provvedimento, il Reddito di cittadinanza sarà introdotto a partire da aprile 2019.
A partire dal mese di aprile, se possiedi i requisiti idonei, puoi richiedere il Reddito di Cittadinanza alle Poste Italiane, recandoti presso un’ufficio postale o in via telematica, oppure al CAF. Una volta fatta domanda, l’INPS procederà con la verifica dei requisiti. In caso di accoglimento, il RdC ti verrà erogato attraverso una carta prepagata di Poste Italiane, che non può essere utilizzata per attività quali il gioco d’azzardo. Dopo l’accettazione, sarai contattato dal CpI, per individuare il percorso di formazione o di reinserimento lavorativo da attuare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Educazione alla salute - Progetto iodoprofilassi per le scuole

Next Article

Viaggio in Italia: la Corte costituzionale nelle scuole. Il 7 febbraio il Ministro Marco Bussetti e il Presidente Giorgio Lattanzi presentano il progetto per il 2019-2020

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.