Reclutamento, graduatorie e concorsi: i sindacati chiedono modifiche con il decreto Milleproroghe

L’Anief propone aggiustamenti sul versante scuola al testo approvato dal Consiglio dei ministri a fine 2022. Proposte modifiche su mobilità del personale, reclutamento, graduatorie concorsuali, organico aggiuntivo, e validità dei titoli.

Nel decreto Milleproroghe vanno introdotte una serie di disposizioni urgenti per la scuola che diano seguito agli ordini del giorno approvati a dicembre a Palazzo Madama: a chiederlo è il sindacato Anief, che ha predisposto una serie di modifiche al testo approvato dal Consiglio dei ministri a fine 2022. Le integrazioni da apportare riguardano, tra l’altro, la mobilità del personale, il reclutamento, le graduatorie concorsuali, l’organico aggiuntivo, la validità dei titoli.

“Anief chiede al Parlamento una profonda revisione del decreto approvato dal Governo senza verifica delle necessità attraverso un confronto con le parti sociali e direttamente coinvolte – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – Ci sono già degli ordini del giorno prorogare l’organico aggiuntivo, indispensabile per realizzare i progetti del Pnrr nelle scuole. Ma anche per prorogare le graduatorie concorsuali, a partire dal concorso straordinario bis, fondamentali per vincere la supplentite. Servono poi deroghe ai blocchi della mobilità dei lavoratori, per non inficiare il diritto alla famiglia e al lavoro. Come pure occorre confermare nei ruoli dello Stato tutti coloro che sono stati assunti con riserva e trovare una soluzione, attraverso un corso-concorso, per coloro che hanno presentato ricorso per diventare dirigente scolastico. La lista delle richieste è lunga, non può essere disattesa” conclude Pacifico.

LEGGI ANCHE:

Total
6
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Blitz ambientalista a Roma, imbrattata di vernice la sede del Senato

Next Article

Smart working, da gennaio in vigore le regole pre-pandemia. Come gestire il ritorno dalle feste

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.