Ranking delle università: Bolzano ai primi posti

ranking: bolzano ai primi posti

Ranking dell’università, Bolzano ai primi posti Tempo di preiscrizioni alla Libera Università di Bolzano, mentre escono i ranking delle Università. Nella Grande Guida di Repubblica le Facoltà di Economia e di Scienze della Formazione hanno ottenuto un buon risultato. La Facoltà di Economia è valutata positivamente anche nel rating CHE pubblicato dalla germanica Die Zeit.

Sulla Grande Guida di Repubblica, nel settore didattica, la Libera Università di Bolzano ottiene il primo posto tra le università non statali per quanto riguarda il gruppo disciplinare Insegnamento, che fa riferimento alla Facoltà di Scienze della Formazione. Ottimo anche il piazzamento nel gruppo disciplinare Economico-statistico (Facoltà di Economia) che si piazza al terzo posto, preceduta dal Bocconi e Luiss.

Anche nella classifica della ricerca, che tiene conto dei progetti di ricerca e della produttività scientifica, i risultati sono buoni: terzo posto per le aree Ingegneria industriale e dell’informazione (Facoltà di Scienze e Tecnologie e Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche) e Scienze giuridiche (Facoltà di Economia).

Da alcuni anni la Facoltà di Economia della LUB partecipa al rating CHE (Centrum für Hochschulentwicklung) che viene pubblicato sulla Zeit. La particolarità di questa valutazione sta nel fatto che non fornisce una classifica della università ma valuta nello specifico alcune categorie. La Facoltà di Economia della LUB rientra nel gruppo delle università migliori per quanto riguarda le pubblicazioni internazionali, il carattere internazionale della Facoltà nel suo insieme ed in particolare dei corsi di laurea magistrale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coldiretti, 3,5 milioni di Italiani scelgono il campeggio

Next Article

Decreto Lavoro, verso la ripresa autunnale se si incentivano le imprese

Related Posts

Studenti e diritto allo studio

Alla luce della giornata di mobilitazione studentesca dell’Unione degli Universitari, aperta a Perugia insieme al Premio Nobel Dario Fo e che ha visto la partecipazione di circa 15 mila studenti universitari alle diverse iniziative organizzate, stamattina comincia la seconda giornata di mobilitazione contro i tagli al diritto allo studio.Il percorso di mobilitazione studentesca fa in questi due giorni una tappa importante, una rivendicazione di un diritto allo studio costituzionale contro il taglio del 89,56% del fondo per le borse di studio per il prossimo anno, e del 94,75% per il 2013.