Ranking delle università: Bolzano ai primi posti

ranking: bolzano ai primi posti

Ranking dell’università, Bolzano ai primi posti Tempo di preiscrizioni alla Libera Università di Bolzano, mentre escono i ranking delle Università. Nella Grande Guida di Repubblica le Facoltà di Economia e di Scienze della Formazione hanno ottenuto un buon risultato. La Facoltà di Economia è valutata positivamente anche nel rating CHE pubblicato dalla germanica Die Zeit.

Sulla Grande Guida di Repubblica, nel settore didattica, la Libera Università di Bolzano ottiene il primo posto tra le università non statali per quanto riguarda il gruppo disciplinare Insegnamento, che fa riferimento alla Facoltà di Scienze della Formazione. Ottimo anche il piazzamento nel gruppo disciplinare Economico-statistico (Facoltà di Economia) che si piazza al terzo posto, preceduta dal Bocconi e Luiss.

Anche nella classifica della ricerca, che tiene conto dei progetti di ricerca e della produttività scientifica, i risultati sono buoni: terzo posto per le aree Ingegneria industriale e dell’informazione (Facoltà di Scienze e Tecnologie e Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche) e Scienze giuridiche (Facoltà di Economia).

Da alcuni anni la Facoltà di Economia della LUB partecipa al rating CHE (Centrum für Hochschulentwicklung) che viene pubblicato sulla Zeit. La particolarità di questa valutazione sta nel fatto che non fornisce una classifica della università ma valuta nello specifico alcune categorie. La Facoltà di Economia della LUB rientra nel gruppo delle università migliori per quanto riguarda le pubblicazioni internazionali, il carattere internazionale della Facoltà nel suo insieme ed in particolare dei corsi di laurea magistrale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coldiretti, 3,5 milioni di Italiani scelgono il campeggio

Next Article

Decreto Lavoro, verso la ripresa autunnale se si incentivano le imprese

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.