Protesta studenti al convegno Sisp. Monti: senza euro prezzi più alti

E’ partita da Twitter la protesta degli studenti di lettere di Roma Tre con l’hashtag #sMONTIamo. L’evidente riferimento al Premier nasce dall’annunciata partecipazione di quest’ultimo al convegno Sisp. “Monti ha deciso di non venire: è una vittoria.

E’ partita da Twitter la protesta degli studenti di lettere di Roma Tre con l’hashtag #sMONTIamo. L’evidente riferimento al Premier nasce dall’annunciata partecipazione di quest’ultimo al convegno Sisp. “Monti ha deciso di non venire: è una vittoria. Un governo messo su dalle banche non si può permettere contestazioni” ha spiegato uno studente all’Ansa. “È difficile organizzare l’occupazione perchè siamo all’inizio dell’anno – spiega – ma è importante dimostrare che l’università non è d’accordo, soprattutto con il massacro sociale”.

I giovani della facoltà leggono l’intervento di Monti e Visco come una provocazione: “Monti e Visco in cattedra sul tema: Ripensare la politica per governare l’economia. Ci provocano. Per alimentare profitto, rendita, speculazione, debitocrazia, privilegi, casta, mafie, Tav, Ilva. Seminano precarietà, selezione classista, tasse, tagli, espropriazione dei beni comuni, stato di polizia, razzismo, sessismo, devastazione ambientale, nocività. Raccoglieranno tempesta”.

L’intervento del Premier c’è stato, in videoconferenza. “Alcune disposizioni dello Statuto dei lavoratori – ha spiegato il Primo ministro – pur ispirate all’intento nobile di difendere i lavoratori, hanno contribuito a determinare una insufficiente creazione di posti di lavoro“.

“Se non fossimo passati all’euro i prezzi di beni e servizi in Italia sarebbero più alti di quelli che sono – ha continuato – il passaggio all’euro non è solo un cambio di moneta ma anche un cambio di metodo di governo“.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lesula, la scimmia umana

Next Article

200 progetti per occupare i giovani del Mezzogiorno

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"