Prof senza mascherina in classe: preside chiama i carabinieri

L’nsegnante si rifiuta di indossare la mascherina in classe nonostante l’invito della dirigente scolastica e così intervengono le forze dell’ordine. È successo ieri mattina in una classe del liceo scientifico Antonelli di Novara, in via Toscana. La dirigente Silvana Romeo è entrata nell’aula e ha notato che l’insegnante non indossava sul viso la mascherina “e quindi non rispettava il protocollo”. Le ha chiesto diverse volte di farlo ma la docente le avrebbe risposto che si stavano mantenendo le distanze di sicurezza e quindi – come previsto dalle circolari – il dispositivo di protezione non era necessario.

Ne è nata una discussione e la dirigente ha chiesto l’intervento dei carabinieri. Sono intervenuti anche gli agenti della Digos. A quel punto la situazione si è tranquillizzata ma la stessa dirigente nel pomeriggio ha scritto a famiglie e alunni per raccontare l’accaduto e spiegare che l’intento era “tutelare la salute di studenti e lavoratori”. Perché se per l’insegnante il distanziamento era sufficiente, non lo era per la dirigente che l’avrebbe vista vicino a un banco. La scuola sta valutando se prendere provvedimenti nei confronti della professoressa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Global Teacher Prize, ecco chi è il prof italiano tra i 10 finalisti mondiali

Next Article

Presidi inviano una lettera al ministero: "Famiglie devono collaborare o sarà difficile andare avanti"

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata
Leggi di più

Scuola, l’organico Covid prorogato fino a giugno

Soddisfatti i rappresentanti dei lavoratori e i dirigenti scolastici. Il personale inserito tra settembre e inizio ottobre nelle classi per dare un aiuto concreto ai docenti curriculari, potrà continuare a lavorare fino alla fine dell’anno