PRIMA Info Day – Bandi 2019

Il 13 dicembre 2018 dalle ore 15:00 alle ore 18:00 si terrà al MIUR, presso la sede di Viale Trastevere 76/A, l’Info Day dedicato ai bandi transnazionali 2019 dell’iniziativa euro-mediterranea PRIMA
L’Info Day dedicato ai bandi transnazionali 2019 dell’iniziativa euro-mediterranea PRIMA (Partnership of Research and Innovation in the Mediterranean Area), relativi alle tematiche di Management of water, Farming systems ed Agro-food value chain. L’obiettivo dell’evento è la presentazione del Piano di Lavoro 2019 del programma PRIMA (Annual Work Plan 2019) e la descrizione delle regole di partecipazione ai bandi, che saranno aperti entro la fine dell’anno 2018.
I bandi 2019 sono strutturati, come lo scorso anno, nelle due distinte sezioni del Programma, SECTION 1 e SECTION 2, per un budget complessivo di circa 62.9 milioni di euro.
Per la partecipazione all’evento, vi preghiamo di registrarvi al seguente link https://goo.gl/forms/gWrlFdscLBUX1SRK2 entro il 12 dicembre p.v., considerando che il numero massimo di posti è pari a 100. La registrazione sarà chiusa non appena questo numero sarà raggiunto. Il programma è scaricabile al seguente link 

L’iniziativa PRIMA (Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area) è un programma di ricerca congiunto che mira a costituire un partenariato strutturato e di lungo periodo. L’iniziativa si caratterizza per un inedito focus sul Mediterraneo, per la volontà di ridurre la frammentazione delle iniziative esistenti e di promuovere soluzioni e progetti di innovazione e ricerca in tre strategiche aree tematiche:

  • gestione delle risorse idriche;
  • agricoltura sostenibile;
  • cibo e filiera alimentare.

PRIMA si propone altresì di sostenere uno sviluppo socio-economico inclusivo nel Mediterraneo all’interno di un quadro di cooperazione euro-mediterranea rafforzata.
L’Italia, maggiore finanziatore dell’iniziativa, ha sempre avuto e tutt’ora mantiene un riconosciuto ruolo guida, rafforzato dal costante supporto ministeriale e suggellato dall’elezione del Prof. Angelo Riccaboni alla presidenza della Fondazione PRIMA. Come Co-Chair della Fondazione è stato nominato il rappresentante egiziano Dr. Mohamed El-Shinawi.
Grazie alla collaborazione di tutti i Paesi coinvolti, è stata definita un’Agenda Strategica che accompagna l’iniziativa per il suo intero svolgimento. Nel quadro complessivo di tale Agenda, ogni anno viene redatto un Piano Annuale di Lavoro (Annual Work Plan) in cui sono precisati i temi oggetto di finanziamento con i primi bandi e le loro principali caratteristiche.
PRIMA attualmente conta sulla partecipazione di 19 paesi euromediterranei:

  • 11 paesi dell’UE: Croazia, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Slovenia e Spagna
  • 8 paesi non UE: Algeria , Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Tunisia e Turchia
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Iscrizioni a scuola anno scolastico 2019/2020, come funziona?

Next Article

Maturità 2019: scompare la tesina

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.