Premio Biagi per tesi sul diritto del lavoro

La Fondazione Marco Biagi dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, in collaborazione con ADAPT – Associazione per gli studi internazionali e comparati sul diritto del lavoro e sulle relazioni industriali, bandisce il Premio Marco Biagi – Giovani studiosi Edizione 2009.
Il Premio consiste nella selezione di tre tesi di laurea che si siano distinte per l’originalità e per l’utilizzo del metodo comparato, afferenti alle seguenti materie: diritto del lavoro, relazioni industriali, risorse umane, diritto del mercato del lavoro, economia del lavoro.
Al primo classificato nella graduatoria delle tre tesi selezionate, sarà assegnata una borsa di studio del valore di 1.500 euro.
I vincitori potranno pubblicare un estratto dell’elaborato in forma di articolo di dottrina, sulla rivista Diritto delle Relazioni Industriali (Giuffrè Editore), per le tesi in lingua italiana, e su The International Journal for Comparative Labour Law and Industrial Relations (Kluwer Law International), per quelle in lingua inglese.
Le domande di ammissione alla selezione, scaricabili dal sito www.unimore.it cliccando sulla finestra Premio Marco Biagi o dal sito www.fmb.unimore.it, e la relativa documentazione dovranno essere consegnate entro venerdì 20 febbraio 2009 alla Fondazione Marco Biagi – Largo Marco Biagi 10, 41100 Modena, intestandola a Premio Marco Biagi – Giovani studiosi Edizione 2009.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sacconi: corporazioni universitarie causa del precariato

Next Article

Training in Rocheper giovani laureandi

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.