Polimi, master in Art Direction & Copywriting

Partirà a ottobre la nuova edizione del Master in Art Direction & Copywriting del Politecnico di Milano. Gli studenti lavoreranno a stretto contatto con i direttori creativi delle grandi agenzie che hanno fatto la storia dei brand nel mondo.

Partirà a ottobre la nuova edizione del Master in Art Direction & Copywriting del Politecnico di Milano. Gli studenti lavoreranno a stretto contatto con i direttori creativi delle grandi agenzie che hanno fatto la storia dei brand nel mondo.

Il Master è strutturato come un laboratorio dove al grande approfondimento pratico si uniscono studio, progetto e ricerca attraverso la sperimentazione di nuovi mezzi e linguaggi. I “laboratori sotterranei”, ovvero tanti percorsi che attraverseranno ogni mese i temi del Master. A dirigerli, creativi dedicati alla sperimentazione. L’internazionalità: contesto all’interno del quale il Master si è sempre mosso, accogliendo studenti da ogni parte del mondo, come una seconda casa ricca di interscambi culturali.

La prima fase d’orientamento permette alla direzione di verificare la sintonia degli studenti con lo spirito di LaboratorioMiniera ed a questi ultimi di non doversi iscrivere al master “al buio”.

Per maggiori informazioni: www.laboratoriominiera.it
INFO: [email protected] [email protected] [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola: docenti di religione più qualificati

Next Article

Premio a tesi sulla persona digitale

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.