Pizzul, Pardo e Caressa: a Roma Tre si parla di sport

Roma Tre: LE PAROLE DELLO SPORT, IL SOCIALE E IL LINGUAGGIO DEI MEDIA
Giovedì 4 giugno 2015 – ore 10.00-14.00. Aula Magna Facoltà di Architettura, l. go Giovanni Battista Marzi 10 – Roma.

L’Ufficio Iniziative Sportive dell’Università degli Studi Roma Tre, assieme alla UISP (Unione Italiana Sport per tutti) e alla Fondazione con il Sud, presenta e organizza una giornata di studio sul tema dell’evoluzione nel linguaggio sportivo. Con il benestare dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, la presenza vale crediti formativi. “Le parole dello sport, il sociale e il linguaggio dei media” rientra nell’ambito di “In Facoltà, per sport” ciclo di conferenze organizzato in Ateneo dal 2010.

Programma

Saluti di:
Carlo Borgomeo, presidente Fondazione con il Sud
Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp
introduce Diego Mariottini, Università Roma Tre, Comunicazione Sport

Leggere se stessi . Il professionista allo specchio. Sport, parità di genere, parità di parola
– Il calciatore: Damiano Tommasi, presidente Associazione Italiana Calciatori
– In vasca e fuori: Novella Calligaris, ex campionessa di nuoto e giornalista di Rainews 24
coordina Ivano Maiorella, direttore Giornale Radio Sociale

Cambia lo sport, cambia il racconto, cambia la tv: generazioni a confronto (tavola rotonda)
Bruno Pizzul, giornalista e telecronista

Darwin Pastorin, giornalista sportivo

Gianni Cerqueti, giornalista e telecronista Rai

Carlo Paris, giornalista e direttore di Rai Sport

Pierluigi Pardo, giornalista Mediaset
– Fabio Caressa, giornalista e telecronista Sky

coordina Massimo Filipponi, giornalista l’Unità

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miss Università, Gaudio si difende: "Ma quale serata sessista? Non mi scuso di nulla"

Next Article

Le domande più imbarazzanti che una giovane donna subisce durante il colloquio di lavoro

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.