Più occupazione e meno povertà: come cambierà il mondo del lavoro secondo l'Europa

L’ultima pubblicazione annuale sul Lavoro e sugli sviluppi sociali in Europa, l’ESDE, mostra risultati incoraggianti. Circa 3 milioni di posti di lavoro sono stati creati e l’occupazione è aumentata, spingendo indietro la povertà. Tuttavia, la disoccupazione rimane elevata, con enormi disparità tra gli Stati membri. I mercati del lavoro e le società dovranno adattarsi alle nuove forme di lavoro.
Quest’anno i temi principali sono stati l’occupazione come mezzo per combattere la povertà, la digitalizzazione e il mondo del lavoro che cambia, il ruolo del dialogo sociale, le disparità tra gli Stati membri e l’integrazione dei rifugiati nel mercato del lavoro.
Il Commissario per l’occupazione, gli affari sociali e la mobilità sul lavoro, Marianne Thyssen, ha commentato: “Questa revisione annuale dimostra che i nostri sforzi degli ultimi anni stanno dando buoni frutti. Le nostre economie continuano a creare posti di lavoro e le famiglie hanno visto un miglioramento, tuttavia la povertà tra i lavoratori è ancora molto diffusa, il che dimostra che non si tratta solo di creare posti di lavoro, ma di creare posti di lavoro di qualità. Le società e i mercati stanno cambiando, grazie alle nuove tecnologie e alle nuove forme di lavoro. Si tratta di portare nuove opportunità, ma anche nuove sfide e dobbiamo fare in modo che nessuno sia lasciato indietro.”
L’occupazione in aumento, spinge indietro la povertà
Il numero degli europei lavoratori è ai suoi massimi estremi, raggiungendo 232 milioni. L’anno scorso, sono stati creati tre milioni di posti di lavoro, la maggior parte di loro permanente. Il lavoro a tempo pieno protegge le persone dalla povertà nella maggior parte dei casi. La quota della popolazione europea a rischio di povertà o di esclusione sociale (23,7%) è il più basso degli ultimi cinque anni.
Tuttavia, ancora 8,6% degli europei non possiede un lavoro. La pubblicazione mette in evidenza quanto sia stato difficile negli anni post-crisi (2008-2013) tornare al lavoro: solo uno su otto disoccupati è riuscito a trovare un’occupazione. La disoccupazione giovanile, ancora al di sopra del 20%, rimane una delle principali preoccupazioni.
Employment and Social Developments in Europe 2016

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 22 dicembre

Next Article

La tua collaborazione per www.corriereuniv.it

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".