Piazza Affari, lo stage mettilo in Borsa

Sono tre i tirocini messi in palio da Borsa Italiana, la società di gestione e organizzazione del mercato finanziario italiano. La sede di lavoro è a Milano.

Sono tre i tirocini messi in palio da Borsa Italiana, la società di gestione e organizzazione del mercato finanziario italiano. La sede di lavoro è a Milano.

La prima opportunità è lo Stage Trading Surveillance rivolto a laureandi in economia dei mercati e degli intermediari finanziari/Finanza. Al giovane che verrà inserito si richiede conoscenza degli strumenti finanziari (in particolare dei derivati) e del funzionamento del sistema finanziario, esperienza nelle tecniche di analisi statistica, ottima dimestichezza con la lingua inglese, precisione, serietà e riservatezza.

Lo Stage Client Support and Membership è destinato a studenti e/o neolaureati in economia o finanza che parteciperanno ad un progetto presso la società del Gruppo Monte Titoli. Il candidato ideale sa districarsi bene con la lingua inglese e principali applicativi Office (Excel, Word, Access), ha buona conoscenza dei mercati finanziari e capacità relazionali, è una persona precisa e capace di organizzare le proprie attività, ha attitudine al lavoro di team, è disponibile e flessibile.

Infine si segnala lo Stage Client Support stavolta messo a disposizione da MTS Spa. Questa offerta è per laureandi/neolaureati in informatica, ingegneria informatica o ingegneria delle telecomunicazioni. I requisiti sono: conoscenza di base di programmazione e delle metodologie di test per le applicazioni software, capacità di utilizzo dell’inglese e dei pacchetti di Microsoft Office, adeguato grado di maturità e responsabilità, ottime capacità organizzative e comunicative, insieme ad una serie di competenze tecniche desiderabili (conoscenza di LAN, WAN, WATS, Citrix, protocolli di rete TCP/IP, protocolli FIX, gestione di firewalls e proxy servers).

Tutte le informazioni sui tirocini e sulle altre occasioni in Borsa Italiana da questo indirizzo

Andrea Palazzo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un anno dopo, lo sport ricorda Simoncelli

Next Article

Il sistema scuola nel libro del sociologo Antonio Cocozza

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.