PhD-ITalents: al via le selezioni per l'assunzione in azienda di 730 dottori di ricerca

Al via la fase operativa PhD-ITalents, il progetto promosso dalla CRUI che permetterà a 730 dottori di ricerca di ottenere un contratto di collaborazione lavorativa a tempo determinato o indeterminato in imprese su tutto il territorio nazionale.
A partire da giovedì 14 aprile e fino al 6 maggio, i dottori di ricerca potranno registrarsi sulla piattaforma di progetto e presentare la propria candidatura. Le combinazioni “offerta di lavoro-dottore di ricerca” ammissibili al cofinanziamento verranno effettuate sulla base del matching fra il profilo dei dottori e le caratteristiche delle posizioni offerte dalle imprese.
Le posizioni riservate ai dottori di ricerca sono principalmente concentrate su due aree tematiche: ICT (il 49%) e Salute e scienze della vita (il 21%). Più esigue quelle che ricadono nelle altre: Agroalimentare (11%); Energia (9%); Mobilità sostenibile e Patrimonio culturale (5% entrambe).
Da bando, il contratto di lavoro prevederà un minimo salariale di 30 mila euro lordi annuali fino ad un massimo di 35 mila euro. Il Miur finanzierà l’80% dello stipendio per il primo anno di contratto, il 60% per il secondo anno e il 50% per il terzo, per un investimento complessivo di oltre 16 milioni di euro.
La maggior parte è localizzata al Nord (44,1%). Seguono Sud (29,2%), Centro (26,4%) ed Estero (0,3%). La Lombardia è la regione in cui si concentra il più alto numero di offerte di lavoro (15%), seguita da Lazio (11%), Campania e Toscana (9%), Puglia e Veneto (8%) e da Piemonte ed Emilia Romagna (7%).
Le imprese offrono nel 63% dei casi un contratto di lavoro a tempo determinato, di durata triennale, mentre nel restante 37% dei casi si tratta di un contratto a tempo indeterminato.
Il 50% delle posizioni proviene da micro imprese con meno di 10 occupati. Il 10% proviene da grandi imprese con più di 250 occupati. Il resto, da organizzazioni con un organico fra le 50 e le 250 unità. Nel 90% dei casi le imprese dichiarano di avere un’unità organizzativa dedicata a Ricerca e Sviluppo.
Inizialmente il bando PhdItalents prevedeva un limite d’età ai partecipanti (35 anni). A seguito delle richieste di buona parte della comunità accademica e scientifica, la Crui ha scelto di rimuovere tale limite e di aprire il bando senza indicare vincoli d’età (a questo link, trovate la modifica al bando).
Per maggiori informazioni e scaricare il bando PhD-ITalents, andate sul sito dedicato.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il mistero di Ettore Majorana diventa un film doc: appuntamento al cinema con i ricercatori del Cnr

Next Article

Scuola, Università, Ricerca: leggi e scarica la rassegna stampa di giovedì 14 aprile

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.