Istat, persi 456mila occupati. Giovani e donne i più colpiti

Segnale di miglioramento nell’ultimo quadrimetre: il numero di occupati è aumentato dello 0,2%

Persi 456mila occupati nel 2020, lo certifica l’Istat che parla di flessione “senza precedenti”. Il quadro che emerge dal report dell’Istituto italiano di statistica è disarmante: -249mila posti di lavoro persi per le donne, -207mila per gli uomini. Principalmente l’occupazione è calata al Nord e al Sud, mentre ha retto meglio il Centro.

La fascia di età più colpita è quella dei più giovani (15-34 anni) che accusa una diminuzione degli occupati del 5%. Male anche la fascia mediana (35-49 anni) che segna un meno 3,2%. Aumentano invece gli occupati over 50 che sono 113mila in più di un anno fa. Probabile che in questa dinamica abbia pesato il blocco dei licenziamenti che ha finito per scaricarsi soprattutto su contratti a termine non rinnovati, più diffusi tra i lavoratori più giovani.

Azzerati i recuperi registrati nel 2018 e 2019, si torna ai valori del 2017. Per effetto di queste flessioni il tasso di occupazione, ossia la quota di popolazione in età lavorativa che è effettivamente impiegata, è diminuito dell’1% al 58,1%. I due dati sono solo in apparente contraddizione. La quota di disoccupati indica infatti chi sta cercando un lavoro ma non lo trova. Se si smette di cercare tecnicamente non si è più disoccupati ma si diventa inattivi che infatti crescono dell’1,6%. L’aumento può essere dovuto principalmente al cosiddetto effetto scoraggiamento, viste le condizioni complessive del mercato del lavoro si rinuncia o si rimanda la ricerca di un’occupazione.

Segnale di miglioramento nell’ultimo quadrimetre dell’anno: il numero di occupati è aumentato dello 0,2% rispetto ai tre mesi precedenti. Sono saliti i contratti a tempo indeterminato (+ 0,6%) che hanno compensato il calo di quelli a termine giunti a scadenza e non rinnovati. Rispetto al periodo ottobre-dicembre di un anno fa i contratti a tempo determinato sono addirittura il 12,3% in meno. Risale al 58,2% il tasso di occupazione, mentre quello di disoccupazione scende al 9,2%. In lievissimo aumento il tasso di inattività. 

Dei 456mila occupati persi le ragazze tra i 15 e i 24 anni sono in assoluto la categoria più colpite dalla disoccupazione con un tasso che supera il 31%. Tra i cittadini stranieri il tasso di disoccupazione è quasi doppio rispetto agli italiani: 14,5 contro 8,9%. I cali più forti riguardano le professioni artistiche e di intrattenimento (- 16% rispetto all’anno prima) seguite da quelle nel turismo e ristorazione (- 15%). Aumentano viceversa gli occupati nelle costruzioni (+ 4,3%), così come nella sanità (+ 0,6%) e nelle tlc (+ 1,4%).

Leggi anche:

https://corriereuniv.it/2021/03/google-lavora-con-noi-posizioni-aperte-in-italia-come-candidarsi-2/
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premiati gli studenti “Alfieri della Repubblica” 2021

Next Article

Scuola, rinnovato il Protocollo d’intesa tra Ministero dell’Istruzione e Ordine dei Giornalisti

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.