Per non dimenticare Pako, presidio a Marianella

Questa sera alle 19.30 in piazzetta Marianella a Cardito (Napoli) partirà il presidio in memoria del giovane Pasquale Romano, l’ennesimo ucciso per sbaglio dalla camorra.

Questa sera alle 19.30 in piazzetta Marianella (Napoli) partirà il presidio in memoria del giovane Pasquale Romano, l’ennesimo ucciso per sbaglio dalla camorra.

I promotori dell’iniziativa Salvatore Salzano, Giuseppe Sbrescia e Alessandro Fiore, rappresentanti delle associazioni studentesche dell’Università di Napoli Federico II hanno dichiarato: “Ancora una volta una vittima innocente della camorra. Dicono sia stato un errore, ma non si può morire per errore. Non si può uscire di casa ed essere colpiti da una raffica di proiettili. Ecco perché stasera scenderemo in piazza nel quartiere di Marianella, dove è stato ucciso Pasquale, proprio durante il coprifuoco che c’è ogni sera per accendere la speranza, per riaffermare la legalità e liberare la nostra città e la nostra regione dalla camorra e dalle mafie. Ci auguriamo che insieme a noi vi siano il sindaco, il prefetto, il questore e le istituzioni tutte, ma anche semplici cittadini e le associazioni che operano sul territorio“.

Un messaggio è giunto anche da Don Tonino Palmese: “La famiglia di Lino non sarà abbandonata. Le istituzioni faranno rete – esprimo tutta la mia solidarietà ai familiari di Lino ma bisogna anche evidenziare che le istituzioni, le forze dell’ordine, stanno facendo ogni sforzo possibile“.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli smartphones sulla terra? Più di 1miliardo

Next Article

Google apre le porte, ora possiamo "vedere internet"

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.