Partono le borse di ricerca “made in Italy”: 50 milioni di euro per stoppare la fuga dei cervelli all’estero

Dal 26 ottobre al 27 dicembre si può fare domanda per ottenere una borsa di ricerca messa a disposizione dal Fondo italiano per la scienza. Venti milioni andranno per sostenere i ricercatori “emergenti”, gli altri 30 per quelli “senior”.

Per arrestare la fuga di cervelli dall’Italia, il decreto Sostegni-bis ha istituito il Fondo italiano per la scienza che erogherà riconoscimenti a ricercatori junior e senior sul modello già seguito dall’European research center. A disposizione, con il primo bando, ci sono 50 milioni di euro. Una dote che dal 2022 crescerà a 150, in attesa dei 600 milioni che sono stati individuati nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr).

Tra il 2014 e il 2020 – come riporta oggi il Sole 24 Oresu 7.803 contratti di ricerca (per un valore di 13,3 miliardi), 504 (per un corrispettivo di 672,8 milioni) sono stati quelli che hanno interessato direttamente l’Italia, ovvero il 6,4 per cento. Ma se passiamo alla nazionalità degli scienziati premiati il nostro peso specifico aumenta: 829 ricercatori italiani vincitori su 8.639 complessivi (cioè il 9,5 per cento). Di questi però solo 384 sono rimasti o hanno deciso di tornare nel nostro Paese, gli altri hanno optato per l’estero. Un fenomeno che va avanti da anni e che neanche la pandemia ha frenato.

Adesso si cerca di invertire la rotta con il Fondo italiano per la scienza (Fis) di 50 milioni complessivi: i primi 20 milioni finanzieranno i progetti di ricerca presentati da ricercatori emergenti (i cosiddetti starting grant) e ogni contratto potrà valere al massimo 1 milione di euro in conto capitale; per partecipare servirà un titolo di dottore di ricerca conseguito da non meno di 2 anne e da non più di 10 e un curriculum qualificato.

Gli altri 30 milioni premieranno gli advanced grant: idee di studiosi affermati, con un capo progetto attivo nella ricerca da almeno un decennio, un’età non superiore ai 65 anni e un background di pubblicazioni e interventi di tutto rispetto. Per partecipare, in entrambi i casi, c’è tempo dal 26 ottobre al 27 dicembre.

Per maggiori informazioni cliccare qui

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Covid, addio alla quarantena se in classe c'è solo un positivo. Ecco le nuove regole per evitare la dad

Next Article
Prof con la valigia

Docenti in pensione, il Ministero gioca d'anticipo: le domande dovranno essere presentate entro il 31 ottobre

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"