Covid, addio alla quarantena se in classe c’è solo un positivo. Ecco le nuove regole per evitare la dad

Verso l’approvazione della bozza redatta dall’Istituto Superiore di Sanità, dai ministeri della Salute e dell’Istruzione. Tutta la classe obbligata alla didattica a distanza con tre casi positivi.

Per ridurre al minimo la didattica a distanza cambia la strategia per i contagi nella scuola: meno quarantena e più test. Le novità sono contenute nella bozza con le “Indicazioni per l’individuazione e la gestione dei contatti di casi Covid-19 in ambito scolastico” redatta dall’Istituto Superiore di Sanità, dai ministeri della Salute e dell’Istruzione e con il contributo di due Regioni. Sette pagine aggiornate al 7 ottobre che si pongono l’obiettivo di “semplificare” le procedure definendo un sistema che “preveda una serie di automatismi gestibili sin dalle prime fasi direttamente dal dirigente scolastico e dal referente scolastico Covid-19, in stretta collaborazione con il Dipartimento di Prevenzione”.

Nelle scuole primarie e secondarie, secondo la bozza, in presenza di un caso positivo tra gli alunni, i compagni saranno sotto “sorveglianza con testing” e in caso di risultato negativo potranno tornare in classe. Se tra i contatti, invece, dovesse risultare un secondo alunno positivo, coloro che sono vaccinati o negativizzati negli ultimi sei mesi potranno rientrare in classe e saranno “in sorveglianza con testing”, ma per quanti non sono stati vaccinati scatterà la quarantena.

In presenza di due casi positivi tra i contatti del primo contagiato, quindi se tre studenti risulteranno positivi solo a quel punto scatterà la quarantena per tutta la classe. Le stesse regole varranno sempre per le scuole primarie e secondarie anche in presenza di un caso positivo tra gli insegnanti o gli operatori scolastici. Per gli alunni delle classi in cui l’insegnante ha svolto attività in presenza, ci sarà la sorveglianza “con testing” e il rientro a scuola dopo il risultato negativo del test.

In presenza di un ulteriore caso positivo oltre all’insegnante, i vaccinati e negativizzati negli ultimi 6 mesi saranno in sorveglianza con testing, mentre per gli altri scatterà la quarantena. In presenza di due casi positivi quarantena per insegnante e tutta la classe. Diverse le procedure per i bambini da 0 a 6 anni: in presenza di un caso positivo scatterà per tutti una quarantena di 10 giorni.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Yif2021, i giovani italiani sognano l’estero. Berriola: “Attivare presto politiche attive in favore dei nostri ragazzi”

Next Article

Partono le borse di ricerca "made in Italy": 50 milioni di euro per stoppare la fuga dei cervelli all'estero

Related Posts
Leggi di più

Milano, supplenti rifiutano l’incarico: è emergenza

Per asili ed elementari è scattata la chiamata diretta dai presidi. Alle scuole secondarie superiori i problemi maggiori, con rinunce anche all’ultimo minuto. La scuola non è più sempre di più un parcheggio lavorativo?