Parma capitale dell'investigazione

impronta.jpgL’Università di Parma di appresta a diventare un centro europeo di riferimento per la formazione nel campo delle scienze forensi. Dal prossimo anno, infatti, l’ateneo diventerà il centro coordinativo per vari poli universitari europei che promuoveranno corsi nell’ambito dell’investigazione.
Il progetto è senza dubbio ambizioso per l’ateneo parmense ed è l’ultima fase di un percorso iniziato nel 1994 con l’istituzione in città del Reparto Investigazioni Scientifiche (RIS) dei Carabinieri; in collaborazione con il RIS c’è stata, cinque anni dopo, l’istituzione di un corso universitario di perfezionamento in Scienze Forensi. Questo corso si è trasformato nel 2001 in un Master universitario di II livello e si accinge oggi a diventare il punto di riferimento per una serie di corsi equivalenti in ambito europeo.
Le università di Messina, Budapest e Cottbus–Brandeburgo, infatti, hanno aderito alla creazione di Master in Scienze Forensi e hanno eletto l’ateneo di Parma come sede centrale per il coordinamento di questi corsi.
Il progetto farà di Parma e del suo ateneo un polo importantissimo per quanto riguarda le investigazioni e l’ambito forense; l’accordo con gli altri centri formativi europei permetterà un interscambio di docenti, allievi e professionisti del settore grazie ai quali si assicurerà il raggiungimento di uno standard europeo alto e paritario in termini di metodi e procedure.
I programmi dei corsi saranno decisi nel periodo compreso tra ottobre 2008 e settembre 2009; il corso sperimentale avrà inizio nel novembre 2009 a Cottbus e dopo un anno saranno varati negli altri tre atenei i corsi con il programma definitivo già sperimentato.
I corsi saranno mirati a formare dei giudici e dei periti che possano operare in ambito forense con competenze scientifiche approfondite, come ci ha spiegato il professor Giovanni Mori, ideatore e promotore dell’iniziativa formativa: “I corsi sono aperti a laureati in Giurisprudenza o in materie scientifiche; chi proviene da aree scientifiche acquisirà gli strumenti necessari per arrivare a discutere le perizie in tribunale mentre coloro che sono già giuristi otterranno una solida preparazione in ambito scientifico. Inizialmente il programma di studio sarà differenziato in base all’area di studi di provenienza dell’allievo, per poi confluire in un unico percorso didattico”.
Alla fine dei corsi l’allievo riceverà il titolo di Master rilasciato congiuntamente dai quattro atenei coinvolti nel progetto.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
1 comment
  1. sono una laureata presso l’università di bologna sede di forli in sociologia e scienze criminologiche per la sicurezza al 2 anno di specialistica in criminologia applicata per l’investigazione e la sicurezza : questi requisiti rientrano nella possibilità di ammissione al master? Se così non fosse penso sia un vero limite.

Lascia un commento
Previous Article

Laureati a caccia di crediti

Next Article

A Milano si cercano Ingegneri IT

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.