Paolo Ricci neo Presidente Adisu Sannio

foto_ricci.jpgL’Adisu, l’Azienda per il Diritto allo Studio Universitario dell’Università degli Studi del Sannio ha un nuovo presidente: il professore Paolo Ricci, ordinario di Economia aziendale della Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali dell’Ateneo sannita e Presidente del corso di laurea in “Economia e Gestione dei Servizi Turistici”.
Alla guida dell’ente per i prossimi tre anni, il neo presidente, succeduto al professore Filippo de Rossi, lavorerà per migliorare i servizi agli studenti, e in particolare: i servizi per gli studenti diversamente abili, strumenti multimediali per il disbrigo delle pratiche burocratiche e un sistema concertato di trasporti più attento alle necessità dei fuori sede.
Nel nuovo Consiglio di amministrazione dell’ADISU Sannio entrano a far parte: Francecesco Palmiero, quale rappresentate della Regione Campania; il professore Giuseppe Marotta, ordinario dell’Ateneo sannita; Clino Salza e Salvatore Mancino, quali rappresentanti degli studenti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Informatici e commerciali per Reitek

Next Article

Al via “Unisa Orienta”

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.