Al via “Unisa Orienta”

Si svolgerà nei giorni 21, 22 e 23 aprile presso il Polo di Baronissi, “Unisa Orienta”, la manifestazione di orientamento dell’Università di Salerno organizzata dal Centro per l’ Orientamento e il Tutorato (C.A.O.T.) in collaborazione con le facoltà dell’ateneo.
Giunta alla quinta edizione, l’iniziativa coinvolgerà gli studenti delle scuole superiori in seminari, laboratori e presentazioni dell’ offerta formativa e degli sbocchi occupazionali dei Corsi di studio attivi presso l’ateneo salernitano.
Sarà presentato, inoltre, il test “on line” di autovalutazione delle motivazioni, attitudini e capacità personali che gli studenti potranno svolgere all’interno del laboratorio informatico-didattico appositamente allestito.
Alla “tre giorni“, iniziativa coordinata da Mariagiovanna Riitano, delegato del Rettore all’Orientamento e al Tutorato e da Rosalba Normando, responsabile dell’Orientamento in ingresso, parteciperanno il Rettore Raimondo Pasquino ed i Presidi delle Facoltà.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Paolo Ricci neo Presidente Adisu Sannio

Next Article

Ultimo incontro di “Make it work”

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".