Orientarsi con la Guida, Sociologia

Secondo i dati Almalaurea, il 34,1% dei laureati in sociologia è decisamente soddisfatto del corso di studi intrapreso e si iscriverebbe di nuovo a questa facoltà. Infatti, nonostante le difficoltà post laurea nella ricerca di un lavoro, la sociologia resta un settore aperto e in continuo cambiamento, in grado di offrire diversi sbocchi occupazionali.

L’intervista a Bernardo Valli, preside  della Facoltà di Sociologia dell’ Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”

Secondo i dati Almalaurea, il 34,1% dei laureati in sociologia è decisamente soddisfatto del corso di studi intrapreso e si iscriverebbe di nuovo a questa facoltà. Infatti, nonostante le difficoltà post laurea nella ricerca di un lavoro, la sociologia resta un settore aperto e in continuo cambiamento, in grado di offrire diversi sbocchi occupazionali. Sempre se, spiega Bernardo Valli, preside della Facoltà di Sociologia di Urbino, «i sociologi avranno la capacità di osservare la società che cambia in maniera così travolgente». 

Preside, quale sarà il ruolo del sociologo nella società del futuro?
Credo che sarà lo stesso ruolo che ha avuto nel passato, forse anche con un miglioramento se i sociologi avranno la capacità di osservare la società che cambia in maniera così travolgente.

La vostra disciplina si sta avvicinando sempre di più alle scienze esatte?
Non penso che questo avvenga  anche se la sociologia utilizza sempre più gli apparati informatici ed è inserita molto bene all’interno del mondo digitale.

Il settore “ricerca” offre importanti sbocchi professionali anche ai vostri studenti?
In questo momento, la ricerca universitaria vive un momento di stasi dovuta ai noti problemi del mondo accademico, ma credo che si potrebbero aprire ampi spazi della ricerca relativi al mondo imprenditoriale e a quello dei servizi pubblici. Infatti il sapere del sociologo potrebbe contribuire a risolvere la complessità che stiamo vivendo in questi settori.

Il mercato del lavoro premia i vostri laureati?
Nel caso specifico dell’Università di Urbino i dati di Alma Laurea ci danno con valori che sono un po’ più alti della media nazionale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli esoterica

Next Article

Il prof. La Spina: "Germania, Francia, Inghilterra: lì i concorsi sono una cosa seria"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).