Opportunità di lavoro per 130 assistenti dell'infanzia con la Commissione Europea

Opportunità di lavoro nella Commissione Europea per professionisti dell’infanzia. L’ufficio comunitario che si occupa del reclutamento del personale ha aperto un bando per la selezione di 130 puericultrici e assistenti dell’infanzia da impiegare presso gli asili nido della Commissione Europea a Bruxelles, in Belgio, ma anche a Ispra, in provincia di Varese.
I candidati, assunti con contratto di agente, dovranno garantire un’assistenza relazionale ed educativa negli asili nido della Commissione europea a bambini di età compresa fra 0 e 3 anni, cercando di creare un ambiente calmo e rassicurante e prestando attenzione soprattutto nei momenti dei pasti e delle cure.
I puericultori gestiranno inoltre i rapporti con i genitori, collaborando con essi per favorire l’integrazione e lo sviluppo dei bambini.
I candidati devono essere cittadini di uno stato membro dell’Unione Europea; avere ottima conoscenza di una lingua ufficiale e buona conoscenza di una seconda lingua tra inglese, francese e tedesco; avere formazione superiore attestata da un diploma nell’ambito della cura e dell’educazione della prima infanzia oppure formazione superiore in un settore diverso seguita da un’esperienza professionale almeno biennale.
Il contratto di lavoro prevede 40 ore settimanali d’impiego retribuite con 1.934,53 euro al mese. La scadenza per partecipare al concorso è fissata alle ore 12.00 del 23 luglio 2015. Maggiori informazioni sul sito dell’EPSO.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mattarella firma la Buona Scuola. Gli studenti protestano: "Vergogna"

Next Article

Ricerca, PON 2014-2020: arriva 1 miliardo al Sud per la ricerca

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).